Fincantieri. Ma che cosa e chi stiamo aspettando?

E’ indispensabile uno sciopero unitario e forte di tutti i cantieri insieme!
 
Lavoratori e lavoratrici della Fincantieri e degli appalti,

i giorni 11 e 12 maggio ci sarà la ripresa della “trattativa” tra il padrone-Fincantieri e le direzioni di Fiom-Fim-Uilm. Ma è una finta trattativa. Finora l’azienda non ha voluto neppure prendere in esame le piattaforme presentate dai tre sindacati, si è solo limitata ad esporre la sua piattaforma – che prevede almeno 104 ore di lavoro gratuito in più l’anno, il taglio (o perfino l’abolizione) del premio di produzione, il chip nelle scarpe o nel casco, l’ulteriore peggioramento delle condizioni di lavoro negli appalti, che sono già oggi, in materia di salari, orari, sicurezza sul lavoro, diritti sindacali, rispetto dei contratti, delle condizioni di semi-schiavismo e di estesa illegalità.

Questa finta trattativa serve a una sola cosa: a tirarla per le lunghe e, così, a stancare i lavoratori che già ad aprile hanno subito un primo taglio della busta paga.

Finora questa manovra non è passata. Tutti gli scioperi sono riusciti bene. E questo vuol dire che la forza dei lavoratori c’è! Ma serve una svolta: bisogna prendere atto che Bono&C. sono decisi a portare fino in fondo il loro attacco, perché si sentono forti per le commesse che hanno ottenuto (grazie al lavoro di operai e tecnici!) e per l’appoggio del governo Renzi e dei media. Lo ammette in un comunicato del 29 aprile anche il coordinatore nazionale della Fiom Papignani, il quale afferma che Fincantieri “chiude tutte le porte” e per intimidire i lavoratori utilizza “trasferte e trasferimenti come l’olio di ricino” (ossia, se le parole hanno un senso, usando metodi fascisti). Papignani dice pure un’altra cosa: che i boss di Fincantieri stanno “proponendo accordi per singole realtà”, provando a sconfiggere i lavoratori dividendoli ancora una volta cantiere per cantiere. Dai dirigenti di Fim e Uil, invece, massimo segreto, acqua in bocca! Come se stessero preparando qualche altro bidone. Si sa solo che sono in difficoltà con i loro delegati e iscritti che in questi mesi hanno aderito agli scioperi. Quindi ci avviciniamo all’11 e 12 maggio sapendo ufficialmente che Fincantieri non intende fare passi indietro e ricorre ai soliti tramacci per spezzare le lotte e far bere l'”olio di ricino” alla totalità dei lavoratori Fincantieri e degli appalti.

Ma assolutamente nulla è perduto. La partita è ancora aperta. Dobbiamo solo deciderci a giocarla anche noi in modo duro, senza aspettare che ci arrici questa indicazione dai vertici del sindacato, ma imponendola noi.

Respingere la piattaforma padronale è possibile. Come è possibile affermare le nostre necessità: 1) aumentare l’occupazione (e non gli orari!); 2) consolidare e aumentare i salari; 3) negli appalti migliorare le condizioni di lavoro e di sicurezza, facendo rispettare i contratti nazionali, stroncando il lavoro nero, i sottosalari, le presenze mafiose, etc.; 4) rifiutare i controlli con i chip e quant’altro.

Ma se vogliamo tutto ciò come naturale riconoscimento del valore del nostro lavoro e della nostra dignità di classe, davanti all’aggressività padronale abbiamo una sola via: rompere gli indugi e mettere in campo, unita e determinata, tutta la nostra forza, con uno sciopero generale congiunto di tutti i cantieri che abbia alla propria base le fondamentali rivendicazioni operaie: degli operai e dei lavoratori della Fincantieri e insieme, nella più stretta unità, quelle degli operai degli appalti, il cui lavoro (super sfruttato) è fondamentale nella costruzione delle navi.

Solo questa dimostrazione di forza costringerà i boss di Fincantieri a rifare i propri conti e fare dei passi indietro!
 
Marghera, 6 maggio 2015
Comitato di sostegno ai lavoratori Fincantieri
Piazzale Radaelli, 3
comitatosostegno@gmail.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...