Cosa succede veramente alla Bormioli

Questo slideshow richiede JavaScript.

Comunicato sulla vertenza Bormioli – Si-Cobas
A un mese dal suo inizio facciamo chiarezza su contenuti e prospettive.

Lo sciopero dei facchini del SI-Cobas, iniziato il 23 dicembre, prende le mosse dall’ennesimo cambio appalto, che è un meccanismo legalizzato dalle politiche attuali e che flagella il settore della logistica e dei trasporti – settore in cui imperversano consorzi di cooperative intermediarie, rispondenti all’esigenza di controllo della forza lavoro, flessibilità e di riduzione sistematica del suo costo.

Un cambio appalto, quello in Bormioli, segnato da un accordo sindacale siglato dal CAL (consorzio entrante) con la CGIL (sindacato largamente minoritario nel magazzino prima del cambio: 4 iscritti), che cancella in un sol colpo diritti acquisiti nel tempo quali scatti di anzianità e livelli di inquadramento.

Il tutto nella prospettiva esplicita di una successiva riduzione di organico (alla scadenza dei 9 tempi determinati) benché si lavorasse con moltissime ore di straordinari.

Vogliamo quindi smontare le tesi sostenute dalla CGIL, anche a mezzo stampa, per screditare le ragioni degli operai e del SI.Cobas, che sono in sciopero dal 23 dicembre 2015:

1) Sui livelli di inquadramento e sugli scatti di anzianità l’accordo consente all’azienda di monetizzare la differenza economica fra il diritto acquisito e la nuova situazione imposta dal CAL nel cambio appalto. Basterebbe un semplice ulteriore cambio appalto per assorbire tale indennizzo e riportare i lavoratori a … quattro anni fa.

2) Risulta assolutamente falso e ipocrita affermare che l’accordo prevede l’assorbimento di tutta la forza-lavoro precedentemente impiegata presso il magazzino. Cancellando formalmente l’anzianità di servizio maturata nel magazzino, si introduce nei fatti la cancellazione delle tutele previste dall’art. 18, tracciando la strada per portare a compimento l’obiettivo dichiarato di ridurre a 30 il numero degli operai stabili, a fronte dei 59 attuali.

3) I sei mesi di transizione, accordati dalla CGIL al consorzio come periodo di verifica per “sistemare le questioni irrisolte” (vedi i 30 quarti livelli che hanno abbassato al quinto livello) ben lungi dall’essere un atto di magnanima responsabilità aziendale verso i lavoratori, altro non è che una trappola in piena sintonia con le logiche imprenditoriali che imperversano nel settore della logistica, e non solo.

[Fonte immagine http://www.parmatoday.it/foto/cronaca/facchini-cariche-in-via-emilia-il-18-gennaio/img_5227.html%5D

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...