“Se cade una, cadono tutte”: la lotta femminista in Romania fa tremare il governo, di A. Marincea

Con colpevole ritardo pubblichiamo qui sotto un articolo di Adriana Marincea sul movimento di protesta delle donne sviluppatosi in Romania a fine luglio in seguito allo stupro e all’assassinio della quindicenne Luiza Melencu. Il fatto ha portato alla scoperta di un altro femminicidio, quello di Alexandra Măceşanu, per mano dello stesso uomo. Le registrazioni delle chiamate disperate fatte da Luiza Melencu al centralino della polizia, accolte dagli agenti con indifferenza e anzi fastidio, mostrano la responsabilita’ sostanziale della polizia.

Riprendiamo l’articolo tradotto della Marincea da Non una di meno-Macerata, che gli ha giustamente dato risalto (English version). Questo movimento romeno ha infatti costretto diversi esponenti di governo e istituzioni a dare le dimissioni. Contro la sistematica violenza subita dalle donne rumene (Marincea scrive che “Una donna rumena su quattro è stata abusata fisicamente o sessualmente dal suo partner, ma solo il 4% dei casi arriva in tribunale”), e’ cosi’ tornato a farsi sentire il movimento internazionale delle donne, dimostrando ancora la sua vitalita’ ed il suo orizzonte globale.

L’ondata di proteste seguita alla diffusione delle notizie sul femminicidio di Luiza e Alexandra e sull’atteggiamento tenuto dalla polizia va inquadrata nella situazione di malessere sociale e conflittualita’ che sta montando in Romania. Ancora nel 2015, la morte di decine di giovani nell’incendio della discoteca Colectiv, che aveva ottenuto le licenze malgrado calpestasse le più elementari norme di sicurezza, fece da detonatore a delle dimostrazioni di massa che portarono alle dimissioni dell’allora capo del governo.

Nella mobilitazione delle donne di luglio sembra dunque rivivere l’ostilita’ contro governanti e istituzioni. La popolazione ha a schifo la corruzione dilagante di cui e’ un esempio la deforestazione selvaggia, portata avanti molto disinvoltamente dalle imprese dell’Europa occidentale distribuendo tangenti alle compiacenti autorita’ romene. Si puo’ parlare di una corruzione di sistema, figlia legittima del rapporto di dipendenza economico-politica della Romania dall’Europa occidentale. Piu’ al fondo, organica a questo stato di cose, e tanto piu’ con lo scoppio della crisi, e’ una situazione di forte oppressione sociale e sfruttamento, di cui sono anzitutto vittime le donne; questo sia nel campo della “riproduzione sociale”, del lavoro non-pagato in famiglia, che della produzione, come lavoratrici salariate cioe’. Sembra dimostrarlo la pesante condizione delle “badanti” in Italia – donne costrette all’emigrazione e spremute come limoni nel lavoro di cura nel Belpaese, e che, con i loro pochi risparmi, mandano avanti le famiglie in Romania. Sono elementi che contribuiscono a spiegare le esplosioni sociali in Romania, e la loro recente caratterizzazione femminista.

Nella popolazione romena cresce inoltre il rigetto della violenza poliziesca, che anche in Romania, come nell’Italia dei decreti securitari Salvini-Di Maio, firmati da Mattarella, diventa uno strumento di governo sempre piu’ importante. Si pensi alla violenza con cui nell’agosto 2018 la polizia ha represso la manifestazione antigovernativa organizzata a Bucarest dalla “diaspora rumena”, facendo centinaia di feriti.

In un contributo peraltro informato sulle mobilitazioni innescate dal femminicidio di Luiza Melencu e Alexandra Măceşanu, Francesco Magno si dispiace della propensione dei rumeni a “scendere in piazza e mostrare indignazione contro il sistema”, e molto paternamente insegna loro che “abituarsi alla libertà significa anche abituarsi al destino, anche tragico”. Si tratterebbe infatti – continua l’edificante commento – di vedere nella violenza di genere e nei comportamenti delle forze di polizia non le manifestazioni di un problema generale, ma nient’altro che una sequenza di casi di cronaca, tra loro slegati, con l'”uomo crudele” di turno e i “poliziotti incompetenti” come tristi protagonisti. Per esser liberi, bisognerebbe imparare, testuali parole, a “rassegnarsi al fato”.

La piazza romena ha tutt’altra idea della liberta’, e non è proprio rassegnata. La gente (disoccupati, lavoratori, giovani, con una combattiva presenza femminile) si indigna, si muove. Lo fa contro il  governo come rappresentante di un sistema di interessi che calpesta la popolazione lavoratrice, donne in primis, e ti fa manganellare se protesti, devasta l’ambiente e altre amenita’. Con tutti i limiti della cosa, questa piazza non delega, non sembra muoversi per aprire gli occhi al governo di turno, nella vana speranza di avere giustizia; ma lo fa, riuscendovi, per farlo tremare, e magari cadere. E’ piu’ soggetto attivo che spettatore. Questo puo’ e deve far fischiare le orecchie qui in Italia.

***

Dopo il tragico femminicidio di due adolescenti in Romania, le proteste femministe sono scoppiate in tutto il paese: a essere uccise sono state due giovani di 15 e 18 anni. Una di loro, Alexandra, è riuscita a chiamare la polizia, ma è stata derisa e insultata. E adesso le donne stanno facendo tremare il governo.

Nelle ultime settimane la Romania è stata scossa da due femminicidi molto brutali: quello di Luiza Melencu e Alexandra Măceşanu, due adolescenti stuprate, uccise e bruciate da un uomo di 65 anni, Gheorghe Dinca. La vicenda sta facendo tremare il governo rumeno e ha portato alla destituzione di alcune tra le più alte cariche di Stato e polizia: il capo della polizia nazionale, il ministro dell’Interno, il ministro dell’Istruzione e diversi funzionari della contea. I fatti risalgono alla fine di luglio: Alexandra, 15 anni, stava facendo l’autostop quando ha incontrato Dinca: è salita in macchina ed è stata portata nella sua abitazione. Lì, è stata stuprata per ore: a un certo punto è riuscita a raggiungere un telefono – dimenticato dall’uomo nella stanza in cui l’aveva rinchiusa – e ha chiamato la polizia. Gli audio, che sono stati poi resi pubblici, sono agghiaccianti: si sente Alexandra chiedere aiuto disperata mentre le forze dell’ordine la trattano con sufficienza e la prendono in giro perché non conosce la via del posto in cui è tenuta prigioniera. Per ben tre volte la ragazza ha composto il numero del 112, e per ben tre volte la polizia l’ha rimproverata dicendo che doveva lasciare libera la linea. Nonostante Alexandra sia poi riuscita a fornire un indirizzo, la polizia è arrivata sul posto 19 ore dopo, quando era troppo tardi. Alexandra era stata già uccisa e bruciata. Nella casa in cui era rinchiusa sono stati trovati i resti di un’altra giovane scomparsa, la 18enne Luiza Melencu.

In seguito alla diffusione degli audio di Alexandra, le proteste femministe sono scoppiate in tutta la Romania. Pubblichiamo qui la traduzione di un articolo a firma Adina Marincea pubblicato su Baricada e tradotto da Nudm Maceratese, che racconta la lotta “Se cade una, cadiamo tutte”.

***

La protesta “Se cade una, cadiamo tutte!”, che ha avuto luogo davanti al ministero interno a Bucarest domenica 28 luglio, è stata una reazione al femminicidio di due adolescenti della città di Caracal – Luiza Melencu e Alexandra Măceşanu, e contro la circoscrizione del discorso pubblico sull’argomento a problemi di corruzione e disordine istituzionale, nonché contro la diffusione delle armi per guadagni politici. “Non è la corruzione, ma il patriarcato ad uccidere!” È uno dei messaggi centrali delle manifestanti, che hanno parlato della violenza strutturale contro le donne. Nonostante i dati dimostrino che la Romania ha un problema reale con la violenza contro le donne, questo rimane un argomento ampiamente ignorato. Messaggi come “Il sessismo uccide!” E “La polizia uccide!” si oppongono alla normalizzazione dell’abuso e della violenza contro le donne, che spesso inizia a casa. Le statistiche mostrano che un omicidio basato sul genere su quattro ha avuto luogo nella famiglia della vittima. L’81% dei casi di violenza domestica si verifica nel posto di insediamento, sia nelle zone rurali (53% dei casi) che urbane (47% dei casi). Le donne sono vittime nell’81% dei casi di violenza di genere e nel 92% dei casi gli uomini sono gli aggressori. Una donna rumena su quattro è stata abusata fisicamente o sessualmente dal suo partner, ma solo il 4% dei casi arriva in tribunale.

La violenza contro le donne è implicitamente ed esplicitamente accettata dalla società – attraverso umorismo sessista, l’accusa delle vittime, le molestie di strada e le pubblicità, immagini e canzoni che riducono le donne a oggetti delle fantasie maschili. Queste forme di aggressione degradano e promuovono ulteriormente la violenza contro le donne, incluso il livello istituzionale dove c’è una mancanza di adeguati meccanismi di protezione per le vittime di violenza fisica e sessuale. Ciò accade anche attraverso l’atteggiamento delle autorità – attraverso poliziotti che ti insultano, ti fanno sentire in colpa, fanno battute sulle donne che presentano reclami e consigliano a quelle donne di “tenerlo in famiglia” , attraverso i pubblici ministeri che respingono i reclami e gli ordini di protezione ( per le donne maltrattate), attraverso i giudici che criticano e denigrano le vittime della violenza e proteggono gli aggressori e attraverso la complicità delle autorità in caso di tratta di esseri umani.

La critica contro il patriarcato, che è quasi un’eccentricità nel dibattito rumeno mainstream, mira a decostruire la cultura misogina, una cultura che cresce rapidamente dai primi anni di educazione a casa (“i ragazzi non piangono”, “le donne sono destinate ad ascoltare”) e in classe (nei libri di testo, che insegnano ai bambini che la maggior parte delle figure storiche erano uomini e costruiscono ruoli di genere stereotipati – la donna che si prende cura della casa e l’uomo che è indipendente e un imprenditore). Lo stesso viene fatto nella cultura pop e dalla sottorappresentazione delle donne in posizioni di potere, sia nel settore pubblico sia nel privato.

La resistenza alla violenza sistematica, una violenza sia nata sia sostenuta da questa cultura e che minimizza il potere, l’autonomia, la sofferenza e le capacità delle donne, non è qualcosa di nuovo e non è limitata alla società rumena. C’è un’intera storia di movimenti femministi, che riprendono questa lotta, ma non è questo l’argomento di questo testo. Farò riferimento solo a uno dei recenti movimenti globali, con i quali la protesta “Se cade una cadiamo tutte!”, condivide somiglianze e solidarietà, come mostrano il nome, gli slogan e gli approcci alle questioni:

“Sopravviveremo insieme! Neanche una di meno!”,“Il patriarcato e lo stato sono la stessa m*rda!”,“Basta alla violenza contro le donne!”,“Il patriarcato uccide”e #cadeundacademtoate (#se cade una cadiamo tutte) #niunamenos (#nonunadimeno) #sexismulucide (#ilsessismouccide).

La protesta del 28 luglio 2019 si unisce alla scena di un più ampio movimento intersezionale femminista – Ni una menos (Non una di meno). Questo movimento ha la sua origine in Argentina nel 2015 come reazione all’omicidio di un’adolescente di 14 anni, la cui morte è stata vista come un sintomo della violenza di genere ampiamente presente nella società. Si estese poi attraverso la regione al Perù , al Cile e all’Uruguay e divenne un simbolo dell’alleanza contro il femminicidio in America Latina (il femminicidio è spesso il risultato della violenza domestica e della violenza del partner – proprio come lo è in Romania), contro la cultura misogina, che sostiene la violenza di genere, l’oggettivazione delle donne e le molestie sessuali. Si estese ulteriormente in Europa, dove esempi recenti sono state le proteste di Non Una di Meno in Italia nel 2018 e nel 2019 e le mobilitazioni di massa in Spagna di Ni Una Menos . In Spagna, il movimento è stato amplificato dalle proteste YoSiTeCreo (“Io sì ti credo”) nell’aprile 2018, che sono state una reazione contro la condanna leggera della corte di 5 uomini, che si sono definiti “la manada” (la banda), accusati di stupro di gruppo di una ragazza adolescente.

Tutti questi movimenti condividono tratti comuni e un programma simile, che non è limitato alla violenza di genere. Stabiliscono come obiettivo più alto la decostruzione del patriarcato e la narrativa comune attraverso cui è giustificata la violenza di genere, come: l’importanza della “moralità” e dei “valori” della vittima (come si veste, quale occupazione ha, se ha “provocato” gli aggressori) o la patologia individuale degli aggressori (“questo è un caso a parte/ è pazzo”). Questi movimenti suggeriscono che per spiegare questa violenza devono essere fatte connessioni causali, spostando l’attenzione dalla vittima al sistema che alimenta la violenza. Propongono un’analisi e una decostruzione più approfondita delle relazioni di potere all’interno della società, dei modi in cui queste relazioni supportano la violenza strutturale contro i più vulnerabili, dal punto di vista dell’identità di genere, dell’etnia, dello stato socioeconomico, dell’età e dell’orientamento sessuale. Questi sono movimenti contro ogni forma di abuso individuale e sistemico, sia esso fisico, sessuale, economico o autoritario.

Questi principi si riflettono nel modo in cui questi movimenti sono organizzati e nel modo in cui funzionano come strutture non gerarchiche e inclusive, transnazionali e intersezionali. Ciò è visibile nei manifesti e negli appelli alla solidarietà internazionale, lanciati da movimenti come Ni Una Menos in particolare nell’organizzazione delle proteste l’8 marzo – la Giornata internazionale della donna. Questo è un esempio delle proteste “Se cade una cadiamo tutte”, che non hanno assunto leader, ma sono state realizzate da attiviste che lottano per i diritti delle donne, Rom e comunità LGBTQ+ all’interno e all’esterno del movimento.

Inoltre, il messaggio “La polizia uccide” sul muro dell’edificio del ministero interno, trasmette le paure degli attivisti per il rafforzamento dell’apparato repressivo di Stato e la distruzione dei servizi sociali. La palese repressione del dibattito sui femminicidi delle due adolescenti praticata mettendo in rilievo il discorso anticorruzione, fa parte della stessa lotta: una lotta contro l’abuso da parte del braccio finanziario e del braccio armato delle strutture patriarcali. In questo momento, la protesta ha dato vita a una grande discussione, quando le persone gridano: “Vogliamo la sicurezza nelle strade e in casa!”: Chi e come garantirà la sicurezza e a quale costo?

In questo momento di tensione, il rischio è che le persone siano motivate dall’indignazione e dalle forti emozioni per trovare soluzioni immediate e che queste soluzioni rafforzino l’apparato repressivo – aumentando il numero di poliziotti in strada e il raggio del loro potere, intensificando lo stato sorveglianza, calcando sulla punizione anziché sulla prevenzione, ecc. Oppure la società potrebbe scivolare in un momento, perdere completamente la fiducia nelle persone e nelle istituzioni, verso assetti di estrema destra e un’erosione ancora più profonda del sostegno sociale attraverso misure neoliberali promosse da “nuove persone” con grandi parole come “cambiamento”. Il rischio è che tutto il prezzo venga avvertito più profondamente dalle persone più vulnerabili, che noi cerchiamo di proteggere.

Concludo con un verso di una poesia di Medeea Iancu, letta durante la protesta:

È il paradiso l’unico posto dove le donne possono sentirsi sicure?

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...