Per Atika e per tutte… Bologna, mercoledì 23 settembre, davanti al tribunale

ITALIA] Per Atika, tutte/i davanti al tribunale di Bologna il 23/9:  continuiamo la lotta contro la barbarie della violenza maschilista -  "TOCCANO UNO TOCCANO TUTTI"

Le compagne e i compagni del Cuneo Rosso e del Comitato permanente contro le guerre e il razzismo aderiscono all’appello del SI Cobas, e parteciperanno al presidio indetto a Bologna il prossimo 23 settembre in occasione dell’apertura del processo contro l’uccisore di Atika. La particolare ferocia con cui si è consumato il delitto, uno dei tanti che registrano le cronache con tetra puntualità, ci richiama ancora una volta alla necessità della lotta contro la violenza contro le donne, che si consuma quando, come nel caso di Atika, rifiutano di considerarsi un oggetto di proprietà altrui, e difendono l’incolumità propria e delle proprie figlie da violenze e aggressioni sessuali. Non ci accontenteremo mai di una “giusta sentenza” che punisca l’ultimo anello di una catena di soprusi e di super-sfruttamento propria della condizione femminile in tutto il mondo. Questa catena sarà spezzata solo dalle lotte delle donne contro il sistema sociale che opera per dividere gli sfruttati e gli oppressi, e dalla condivisione degli oppressi tutti della lotta contro il patriarcalismo, individuale, collettivo e di stato, uno dei perni fondamentali del capitalismo.

Il prossimo 23 settembre si apre il processo contro l’uccisore di Atika, 32 anni, sorella di un militante storico del SI Cobas, barbaramente uccisa un anno fa dal suo convivente dal quale si era separata dopo averlo più volte denunciato per maltrattamenti e molestie nei confronti della figlia.

Un assassinio annunciato dall’uomo, che aveva dichiarato più volte il suo intento omicida minacciando anche le sorelle di Atika. Una escalation di violenze da cui Atika aveva cercato di difendere se stessa e le figlie denunciando le minacce e le aggressioni subite.

Le misure adottate dalla magistratura, rallentate dalle lungaggini burocratiche, evidentemente non l’hanno protetta, a conferma una volta di più che le istituzioni sono spesso indifferenti e inefficaci a fermare la violenza domestica.

Nessuna pena al colpevole potrà porre riparo al trauma e alla perdita subita dalle sue figlie, dalla famiglia e da tutte e tutti noi. Chiedendo giustizia per Atika, siamo convinti più che mai che solo la lotta e la mobilitazione delle lavoratrici e delle donne senza privilegi può costituire un muro contro questi crimini, che si ripetono anno dopo anno, uno ogni tre giorni, in Italia e nel mondo.

Una lotta che, per essere incisiva, non può limitarsi alla violenza individuale, privata, patriarcale, ma deve denunciare soprattutto la violenza del padronato, dello stato e delle istituzioni che si scatena ogni volta che le donne lottano per i loro diritti. La polizia non esita a sparare lacrimogeni quando le lavoratrici scioperano contro il supersfruttamento e la discriminazione nelle fabbriche e sui luoghi di lavoro. La magistratura non esita a denunciarle in massa, come è avvenuto in questi giorni contro le operaie e gli operai di Italpizza, quando pretendono i loro diritti.

La crisi sanitaria esplosa nell’emergenza del covid 19 è dovuta ai tagli pesantissimi all’intero welfare e alla “aziendalizzazione” del sistema sanitario pubblico imposti negli ultimi anni a seguito della gravissima crisi economica che il Covid ha esasperato. Questo macigno si è abbattuto in particolare sulle donne aumentandone la precarietà, la disoccupazione, il lavoro da casa, il carico di lavoro domestico e di cura dei bambini e degli anziani, l’esposizione alla violenza del partner. Le donne sono sospinte dalla materialità degli attuali rapporti di sfruttamento a ritornare nelle case o a restarci, a rinunciare ai loro più fondamentali diritti conquistati con dure lotte. Come dimostrano i continui attacchi al diritto di aborto assistito e l’impraticabilità di fatto del divorzio in una condizione di sostanziale subordinazione all’istituzione familiare, precarietà e disoccupazione e tagli al welfare colpiscono soprattutto la donna anche nell’esercizio dei suoi diritti fondamentali.

Noi ci battiamo contro tutto questo

  • Per rafforzare ed estendere le grandi mobilitazioni delle donne di tutto il mondo;
  • Per un movimento unitario che affronti tutte le contraddizioni specifiche della condizione femminile;
  • Per l’unità delle lotte di tutti gli sfruttati e gli oppressi contro il patriarcato e il capitalismo che sono all’origine della violenza sulle donne e della comune oppressione.

Con Atika nel cuore, ritroviamoci tutte/i: mercoledì 23 settembre alle ore 10 presso il Tribunale di Bologna, in via Farini 1

S.I. COBAS nazionale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...