Polonia: l’imponente risposta delle donne all’attacco reazionario del governo Morawiecki

Protests shake Poland as government looks for a retreat on abortion ruling  – POLITICO

Dopo mesi di attacchi striscianti e di tentativi di ridurre ulteriormente la possibilità dell’interruzione assistita di gravidanza, sistematicamente respinti alla mobilitazione delle donne, il Tribunale costituzionale polacco ha emesso la sentenza che rende illegale l’aborto nella stragrande maggioranza dei casi, tra cui quello della grave malformazione del feto.

Grazie a quest’ultimo sfregio all’autodeterminazione delle donne, oggi l’aborto assistito è possibile esclusivamente in caso di stupro, di incesto e di “grave pericolo per la vita della madre”. La sentenza, che è ancora più restrittiva rispetto alla legge approvata nel 1993, era stata sollecitata da un centinaio di parlamentari e ha avuto il convinto appoggio della chiesa cattolica, la cui influenza nelle vicende polacche (e non solo) è ben nota.

I casi previsti riguardano poco più del 2% degli aborti attualmente effettuati negli ospedali polacchi. Questa ulteriore restrizione farà aumentare i 200.000 aborti illegali che le donne polacche sono costrette ad affrontare ogni anno e aggraverà il già grave rischio che corrono ogniqualvolta decidono di non portare a termine la loro gravidanza.

Enough is enough': Thousands protests abortion law in Poland

Il governo di destra polacco non è nuovo a simili misure. Ha più volte minacciato di uscire dalla convenzione di Istanbul (il primo trattato internazionale contro la violenza di genere), e si è distinto in modo particolare nella caccia alle streghe contro la “comunità LGBT”, dichiarando alcune città “gay free”, impedendo l’educazione sessuale nelle scuole e rilasciando dichiarazioni urticanti contro l’omosessualità.

Non si può non notare anche lo straordinario tempismo con cui è stata emessa questa sentenza, in pieno tempo di Covid-19, pensando forse che le limitazioni imposte alle manifestazioni e agli assembramenti intimidissero e condizionassero l’iniziativa delle donne polacche. Tentativo fallito: da mesi, infatti, le manifestazioni si susseguono nelle principali città contro questa vile violenza di stato, e quella di venerdì è stata veramente imponente. Decine di migliaia di donne sono scese in piazza a Varsavia e in molte altre città della Polonia.

Pope calls for Poland to protect life amid protests over abortion law

Il loro segnale ha una chiara valenza internazionale e anche, almeno oggettivamente, internazionalista. Perché l’attacco ripetuto di cui sono da anni oggetto non è che la punta di lancia di un attacco internazionale contro le donne, i loro diritti, i loro movimenti di lotta. Basti pensare alla nomina alla Corte costituzionale Usa di una giudice ultrareazionaria strenuamente antiabortista.

A migliaia di chilometri di distanza, la logica capitalistica nella sua versione più reazionaria è la stessa: la crisi economica e sanitaria in cui il sistema del capitale ci ha scaraventato, va scaricata con una particolare brutalità sulle spalle delle donne, costringendole nelle case, alla cura dei figli e degli anziani, al ruolo di madri e di mogli pronte al sacrificio.

Questa destra oscurantista non è che la faccia più truce della medaglia, che mostra dall’altro lato, con i provvedimenti del Recovery Fund, l’assoluta noncuranza delle “liberali” istituzioni europee verso il peggioramento generale della condizione delle donne nel lavoro e nella società. Che anzi è messa chiaramente nel conto, nonostante le ipocrite parole di circostanza sulla necessità di andare nella direzione opposta.

La fuga in avanti del governo polacco ha ricevuto una energica risposta dalle manifestazioni di questi mesi partecipate non solo da donne; ma questa lotta per essere veramente efficace e vincente deve essere sostenuta dalla solidarietà militante delle donne e di tutti i lavoratori che subiscono, a livello internazionale, un attacco senza precedenti su tutti i fronti. Solo unendo le lotte contro la discriminazione e l’oppressione di genere, lo sfruttamento di classe e il razzismo potremo venirne a capo. E fare piazza pulita tanto degli ultra-reazionari quanto dei loro falsi oppositori liberal-democratici.

***

Un pensiero su “Polonia: l’imponente risposta delle donne all’attacco reazionario del governo Morawiecki

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...