“Fuck Biden. Fuck Trump”. Da Denver (Colorado). Un piccolo anticipo di futuro

Denver, 4 novembre, prima serata. L’esito delle elezioni è ancora incerto, diverse manifestazioni si formano in città, contrate dal solito intervento della polizia, che fa anche diversi arresti (la stampa italiana non ne parla, ma in questi giorni ci sono state centinaia di arresti contro dimostranti anti-Trump o, come in questo caso, sia anti-Trump che anti-Biden). In una di queste dimostrazioni si imbatte il reporter di “Westword“, Conor Mccormick-Cavanagh, che ci trasmette, alquanto frastornato da quel che vede e sente, questa interessante istantanea, conclusa dalla solita nenia sulle vetrine rotte. Tutti coloro che, a destra centro o sinistra, sono convinti, o semplicemente sperano, che Biden potrà riportare la pace sociale negli States, avranno modo di restare delusi.

Protestors burned a Trump flag.

Nella prima serata del 4 novembre, con le elezioni presidenziali ancora in sospeso, circa 100 persone si sono riunite a Cheesman Park, e hanno poi marciato verso il Campidoglio per una manifestazione pubblicizzata sui social media come “Denver contro Trump!”. Nelle ore successive ci sono state alcune manifestazioni pacifiche, ma anche scontri con la polizia, distruzione di proprietà e arresti. La maggior parte delle finestre rotte dai manifestanti erano di banche e altri istituti finanziari lungo East Colfax Avenue.

Tuttavia hanno anche distrutto le vetrine dello storico Ogden Theatre, che era ancora in scena il programma dei concerti della primavera 2020. E hanno rotto le finestre di un piccolo studio dentistico. Perché? [domanda il giornalista ad una manifestante] “Per la gente questo è il momento di smetterla di lamentarsi per qualche vetro rotto e di preoccuparsi invece per le vite umane che vengono annientate dallo stato di polizia e dall’imminente stato autoritario che il fascista in capo sta cercando di portare perché [Trump] sta ovviamente cercando di organizzare un colpo di stato”, dice Asher Crowne, che è presente alla protesta come medico. (E’ una studentessa universitaria sulla trentina, e usa uno pseudonimo per proteggere la sua identità.) “Siamo in piazza a lottare per l’autodeterminazione, per la vera libertà. Siamo stanchi di vedere i nostri neri, bruni e indigeni sventrati dalle forze dell’ordine in tutto il paese”, aggiunge Crowne. I manifestanti hanno tirato fuori i loro slogans da un miscuglio di ideologie di estrema sinistra. C’erano anarchici che si auto-identificavano per tali, come Crowne. Un uomo ha sventolato una bandiera comunista e altri hanno mostrato simboli antifascisti. Uno striscione recava le parole: “Morte al fascismo e al liberalismo che lo prepara”. I manifestanti hanno anche cantato: “Affanculo Biden, affanculo Trump, il Dipartimento di polizia di Denver ne ha uccisi otto il mese scorso” e “Non importa chi è eletto, vaffanculo al sistema, noi lo rifiutiamo”. Mentre l’evento è stato pubblicizzato come una manifestazione contro Trump – i manifestanti hanno bruciato una bandiera “Keep America Great” – il messaggio è stato un mix di messaggi. Trump, Biden, il capitalismo, il liberalismo e le forze dell’ordine sono stati tutti sotto critica. […]

***

Un pensiero su ““Fuck Biden. Fuck Trump”. Da Denver (Colorado). Un piccolo anticipo di futuro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...