Shopper: ora il “sindacato” se lo fanno direttamente i padroni, di G.G.

“Gli “shopper” sono quei lavoratori che ricevono sullo smartphone l’ordine di spesa effettuato online, si recano al supermercato, riempiono il carrello e trasportano le buste fino a casa”. Così su “Il Fatto Quotidiano” del 5 febbraio si descrive una categoria di lavoratori che oggi, tramite il “sindacato” UNIONE SHOPPER ITALIA, si vedono firmare il “contratto nazionale di lavoro”.  Sigla avvenuta in meno di 24 ore da parte di un organismo nato nientepopodimeno che…il 27 gennaio scorso! Il motivo di tale “celerità” è semplice: l’Unione Shopper Italia non è neppure un sindacato “giallo”, è un “sindacato” direttamente padronale. I padroni scrivono la “piattaforma” e … se la firmano!

Non è meraviglioso? Moderno? Efficace? In linea con le “esigenze” di mercato? Infatti nel testo, continua l’articolo, non sono indicati salari orari, né ferie pagate, ma lavoro autonomo e paghe “a cottimo”. Dopo i rider, ecco gli shopper dunque.  Ma i rider in confronto ci fanno la parte del “leone” (sic). Cito dall’articolo: “Essendo gli shopper impiegati da piattaforme digitali, potrebbero anche loro essere coinvolti dal decreto Rider, il quale prevede – da novembre 2020 – l’obbligo di regolamentare il settore con un CCNL e, in assenza, di applicare il CN di materia affine (in questo caso potrebbe essere quello della logistica o del commercio).” I padroni allora hanno provato prima con la Fisascat-Cisl, ma essendo essa troppo “pretenziosa” (stava per firmare, ma non accettava, pensate un po’, indennità di maternità solo alle donne che avessero completato almeno 500 incarichi pima di rimanere incinte), ecco che l’associazione padronale Everli (ex Supermercato 24) si è fatta il “suo” sindacato. Notare: 55 iscritti!!! Continua l’articolo: “L’azienda ha subito sponsorizzato le adesioni a questa sigla con una raffica di videomessaggi inviati dall’Ad Sargenti a tutti gli shopper, preconizzando anche tagli di posti di lavoro in caso di mancata firma.” CGIL e UIL “sono pronte a una nuova guerra giudiziaria” e…buonanotte.

La parola “lotta” è bandita dal loro vocabolario, come ormai è noto. In conclusione: prove d’orchestra per “sindacati” dell’era Draghi?    

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...