Helwan, Egitto: la protesta degli operai della Egyptian Iron and Steel Company

Riprendiamo da Mada Masr, una testata egiziana indipendente, questo articolo. La protesta operaia di cui si parla – e di cui abbiamo già parlato mesi fa – copre i primi mesi di questo anno, fino al 30 maggio, è una lotta contro la chiusura di una delle acciaierie storiche di questo paese, la cui fondazione risale agli anni del nasserismo e al suo programma di rendere il paese indipendente quanto all’industria pesante (e tessile). Una lotta sconfitta perché anche l’ultimo forno dell’acciaieria è stato improvvisamente chiuso da pochi giorni, senza preavviso, per colpire la resistenza delle maestranze e del loro organismo sindacale.

Questa vicenda mette in luce come stia procedendo a tappe forzate il processo di smantellamento di gran parte di quella storica industria di stato a favore di un processo di privatizzazione della produzione industriale che molto spesso equivale alla svendita al capitale straniero. Negli anni di Sisi, infatti, sono stati introdotti forti incentivi a favore degli investimenti esteri accompagnati da “solide misure macroeconomiche” (per dirla con l’ambasciatore d’Egitto in Italia, Hisham Badr). Su questa ristrutturazione sempre più extra-vertita si sono tuffati a pesce i piranha italiani (padroni di grandi e piccole imprese) investendo nell’estrazione di petrolio, gas, metalli rari, ferrovie, porti, industria del cuoio e degli arredamenti, etc., facendo del capitalismo italiano il primo investitore nel paese (per un totale di 27.7 miliardi di dollari).

Mentre procede lo smantellamento del “vecchio” proletariato industriale, che diede filo da torcere al regime di Mubarak e ai suoi protettori proprio, tra l’altro, ad Helwan, nasce un nuovo e più giovane proletariato industriale ancor più direttamente “connesso” al capitalismo globale, di cui sentiremo parlare. Il pugno di ferro del generale tanto caro all’Italia, all’UE e alla Russia non avrà il potere di soffocare l’antagonismo di classe a tempo indeterminato.

***

Dieci lavoratori dell’Egyptian Iron and Steel Company sono stati detenuti per due ore domenica (30 maggio) dopo che le forze di sicurezza hanno disperso 500 lavoratori che hanno manifestato al cancello principale dell’azienda, ha detto a Mada Masr un membro del comitato sindacale dell’azienda a condizione di anonimato.

Le proteste dei lavoratori sono arrivate mentre lo storico colosso industriale del settore statale si avvicinava di un passo alla liquidazione, con lo spegnimento dell’ultimo impianto in funzione presso l’azienda; domenica è stato annunciato che sarebbe stata fissata una riunione per iniziare il processo di liquidazione il giorno successivo, 31 maggio.

Sono ancora in corso le trattative tra lo Stato e il comitato sindacale dell’azienda sul pacchetto di fine rapporto per la forza lavoro dell’azienda composta da circa 7.500 lavoratori, e sono in gioco mensilità, indennità di fine servizio e indennità di assicurazione sanitaria per i lavoratori.

Sebbene i lavoratori egiziani del ferro e dell’acciaio fossero consapevoli che presto sarebbero state prese misure per attuare la decisione di liquidare la società, presa a gennaio di quest’anno e contestata con proteste che hanno coinvolto fino a 4.000 lavoratori, la produzione negli stabilimenti della società è stata interrotta bruscamente domenica, provocando una protesta operaia relativamente piccola e spontanea.

I capi dipartimento dell’azienda sono stati informati domenica con un preavviso di sole 24 ore che la società avrebbe cessato le operazioni con effetto immediato. A loro volta, domenica pomeriggio, i capi dipartimento hanno informato verbalmente i lavoratori del passaggio. Il consiglio di amministrazione di Egyptian Iron and Steel, che è stato modificato a novembre, ha anche ordinato agli autisti di autobus dell’azienda di interrompere il trasporto dei lavoratori da e verso la sede dell’azienda a Helwan.

Le forze di sicurezza centrali hanno disperso le proteste dei lavoratori con la forza, inseguendo folle di lavoratori nell’area circostante e trattenendo 10 lavoratori per due ore prima di rilasciarli, hanno dichiarato a Mada Masr un componente del comitato sindacale e un altro lavoratore che ha partecipato alla protesta.

Kamal Abbas, il coordinatore generale del Centro dei sindacati e dei servizi ai lavoratori, sospetta che l’annuncio sia stato fatto intenzionalmente con breve preavviso, per prevenire e impedire alle organizzazioni sindacali di organizzare uno sciopero. La stessa tattica è stata utilizzata prima che la produzione fosse interrotta presso la National Cement Company prima della sua liquidazione, ha detto Abbas a Mada Masr.

“Quello che è successo ieri ha privato il comitato della sua arma più importante”, ha detto Abbas, poiché il potere contrattuale del comitato sindacale poggia sulla “presenza dei lavoratori all’interno delle mura dell’azienda, il che potrebbe significare uno sciopero permanente”. Abbas ha aggiunto che fermare la produzione e impedire ai lavoratori di entrare nei locali dell’azienda indebolisce il comitato proprio mentre sono in corso le trattative sull’importo del risarcimento a cui avranno diritto i lavoratori.

La decisione di cessare la produzione ha bloccato il restante forno funzionante su un totale di quattro in azienda, ed è la prima volta che tutti i forni sono rimasti inattivi in ​​63 anni. Sospese anche le forniture di gas naturale.

L’azienda utilizza la tecnologia dell’altoforno che richiede procedure speciali prima di qualsiasi interruzione della produzione. L’arresto improvviso del forno può causare danni gravi, anche permanenti, all’impianto.

A marzo, un membro del consiglio di amministrazione della società ha dichiarato a Mada Masr che “nessun membro del consiglio può assumersi la responsabilità della decisione di fermare i forni, che funzionano tramite una tecnologia che consente loro di essere fermati solo per motivi di manutenzione. Qualsiasi sospensione dell’operazione significa la loro distruzione, il che significa una perdita di fondi pubblici di circa 500 milioni di LE per forno.”

Secondo Abbas, dal momento che il consiglio di amministrazione della società si è rifiutato di prendere questa decisione per paura di assumersi la responsabilità legale per la cattiva gestione dei fondi pubblici, la decisione di fermare la produzione è stata probabilmente presa dal consiglio di amministrazione della Metallurgical Industries Holding Company, il maggiore azionista della siderurgia egiziana.

In un’azione sindacale separata la domenica si è svolta poche ore prima che fosse presa la decisione di fermare la produzione, 1.200 lavoratori hanno protestato per chiedere un risarcimento per un minimo di 400.000 LE e un massimo di 700.000 LE, facendo eco alla linea avanzata dalla commissione sindacale. [La sterlina o lira egiziana (LE) ha un valore pari a 0,052 euro; fate i calcoli e vedrete quanto misere sono queste somme – n.]

Finora, ai lavoratori è stata offerta una tariffa minima di retribuzione di 250.000 lire, appena 25.000 lire in più rispetto alle 225.000 lire iniziali offerti dal Ministero delle Imprese Pubbliche, che ha limitato la retribuzione massima a 450.000 lire. Il membro del comitato sindacale ha detto a Mada Masr che i lavoratori hanno rifiutato l’offerta, che è stata concordata dal ministero del Lavoro e dall’Unione generale dei lavoratori metalmeccanici ed elettrici.

“La nuova offerta non prevede alcun contributo da parte dello Stato a sostegno del fondo per garantire a tutti i lavoratori i loro diritti patrimoniali, ma propone piuttosto di suddividere le attuali risorse del fondo tra i lavoratori in funzione della loro esperienza e degli anni di contributi”, ha detto.

Allo stato attuale, l’accordo prevede il pagamento di un’indennità mensile eccezionale alle persone che hanno lavorato presso l’azienda per oltre 25 anni a un tasso di 1.200 LE al mese fino al raggiungimento dei 60 anni, dopo di che verrebbe corrisposta una pensione. Il Comitato sindacale aveva proposto un tasso mensile di 2.000 LE. “Sono ancora in corso trattative per stabilire se i lavoratori continueranno a ricevere i servizi di assicurazione sanitaria”, ha affermato la fonte del comitato sindacale.

La decisione presa a gennaio scorso di liquidare la società è stato l’ultimo colpo di un’importante ristrutturazione del settore industriale statale – che secondo quanto riferito, è gravato da 40 miliardi di LE di debito – portato avanti dal ministro delle Imprese pubbliche Hisham Tawfiq, e che finora ha portato alla liquidazione della National Cement Company e della Egyptian Navigation Company e alla parziale privatizzazione di altre imprese chiave del settore pubblico.

La decisione di gennaio di liquidare l’Egyptian Iron and Steel Company, che fiorì durante la crescita a metà del secolo scorso di un’industria nazionale che seguì l’indipendenza dell’Egitto e servì da palcoscenico per l’azione sindacale seminale negli anni ’80, continua ad incontrare una forte reazione contraria sia dentro che fuori il governo, con i sindacati sindacali, la Camera dei rappresentanti e gli esperti dei media e della stampa che esprimono la loro disapprovazione. Lunedì il deputato Mostafa Bakry ha pubblicato una serie di tweet feroci, criticando Tawfiq come un “uomo che odia la nostra storia, i lavoratori e le aziende” e lamentando la chiusura della società.

Mentre i forni siderurgici devono essere chiusi per sempre, le attività estrattive e minerarie della società sono state scisse e incorporate in una nuova società quotata alla Borsa egiziana alla fine di maggio. Secondo l’agenzia di stampa privata Masrawy, la nuova società mineraria impiegherà solo 400 lavoratori, rispetto ai 7.500 attualmente impiegati da Egyptian Iron and Steel.

Mentre il governo ha costantemente attribuito la liquidazione dell’azienda a enormi perdite e all’impossibilità di riprendere la produzione, in passato un membro del comitato sindacale aveva detto a Mada Masr che il governo ha ignorato diverse proposte per fermare le perdite e ripagare in un periodo di due anni il debito che l’azienda ha accumulato.

https://www.madamasr.com/en/2021/05/31/news/economy/workers-protest-for-compensation-as-egypt-iron-steel-furnaces-extinguished/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...