Fermare la guerra in Ucraina: rifiutare di movimentare carichi militari. Lettera dei lavoratori del sindacato portuali della costa occidentale (USA)

controinformazione.info | Il tarlo gira: i lavoratori portuali statunitensi  si rifiutano di scaricare la nave israeliana
I portuali di Oakland boicottano una nave mercantile israeliana (giugno 2021)

Lettera degli iscritti e pensionati ILWU (sindacato portuali costa occidentale USA) contro il comunicato del 3 marzo dei presidenti del sindacato, che indice il boicottaggio delle navi russe. Tornare alla tradizione ILWU di opposizione alle guerre dell’imperialismo USA, mentre è in corso guerra di classe in USA.

3 ottobre 2022

L’ILWU deve opporsi alla guerra provocata dagli Stati Uniti e dalla NATO!

Noi, iscritti e pensionati dell’ILWU, siamo molto preoccupati per la dichiarazione pubblica del Comitato Costiero del 3 marzo 2022 sulla guerra in Ucraina. Essa si discosta dalle numerose posizioni contrarie alla guerra che il nostro sindacato ha assunto anche quando era impopolare farlo. L’ILWU ha sempre criticato le azioni di guerra della NATO. Dalla fine della Seconda Guerra Mondiale ci siamo opposti alle guerre e ai colpi di stato statunitensi in Corea, Vietnam, Angola, Serbia (ex Jugoslavia), Cuba (invasione della Baia dei Porci), Cile (colpo di stato), El Salvador e Nicaragua.

Il Primo Maggio 2008, l’ILWU ha chiuso tutti i porti della costa occidentale per opporsi alle “guerre imperialiste in Iraq e Afghanistan” (come recitava la risoluzione del Caucus). Abbiamo agito nei punti di produzione contro le guerre statunitensi e il governo dell’apartheid in Sudafrica. Ci siamo rifiutati di caricare carichi militari alle giunte militari anticomuniste in Cile e in El Salvador. Siamo orgogliosi di questa eredità. A febbraio, il Consiglio internazionale dei lavoratori portuali (sezione europea) ha rilasciato una dichiarazione in cui chiede la fine della guerra in Ucraina. Lo stesso deve fare l’ILWU.

Siamo di fronte a una guerra di classe in patria e a una guerra all’estero tra due governi capitalisti. I sindacati si stanno organizzando per combattere capitalisti miliardari come Jeff Bezos, proprietario di Amazon, e John Fisher, proprietario degli Oakland A’s, che sta progettando di costruire uno stadio nel trafficato porto di Oakland. Mentre l’ILWU si confronta con la PMA sull’automazione e l’inflazione nelle trattative contrattuali, la gente di Jackson, Mississippi, e di Flint, Michigan, non riesce ad avere acqua potabile pulita. Peggio ancora, le comunità nere e brune affrontano quotidianamente il terrore mortale della polizia e dell’ICE. Nel 2003, la polizia ha attaccato i manifestanti contro la guerra nel porto di Oakland al grido di “Le guerre sono a scopo di lucro, i lavoratori possono fermarle!”.

Nel 1967, durante la guerra del Vietnam, Martin Luther King Jr. definì gli Stati Uniti “il più grande fornitore di violenza al mondo”. Dopo quel discorso, l’ILWU Local 10 lo invitò a parlare alla riunione del sindacato, dove gli fu conferito lo status di “membro onorario” del nostro sindacato. Un anno dopo il suo discorso contro la guerra fu assassinato. Gli Stati Uniti sono in uno stato di guerra perpetua dal secondo dopoguerra. La guerra in Ucraina, provocata dall’aggressione degli Stati Uniti e della NATO, è una pericolosa guerra preliminare che rischia di provocare una massiccia contaminazione nucleare a Zaphorizhzhia, il più grande impianto nucleare d’Europa, e può portare a una guerra nucleare contro la Russia e alla terza guerra mondiale con la Cina.

Dopo la caduta dell’Unione Sovietica, il Segretario di Stato James Baker aveva promesso di non minacciare la sicurezza della Russia spostando la NATO verso il confine russo, aggiungendo i Paesi dell’ex blocco orientale. Questo accordo è stato violato più volte dagli Stati Uniti, nonostante gli avvertimenti della Russia. Riteniamo che sia necessario prendere una posizione sulla guerra in Ucraina coerente con la storia dell’ILWU. I lavoratori portuali a livello internazionale possono fermare questa guerra sanguinosa. I governi reazionari e nazionalisti di Russia e Ucraina non lo faranno.

Nel 2014, un colpo di Stato Maidan guidato dagli Stati Uniti in Ucraina ha rovesciato il governo eletto e ha bruciato l’edificio della sede sindacale di Odessa, uccidendo 48 persone. In opposizione al colpo di Stato, due province russofone dell’Ucraina orientale, Donetsk e Luhansk, si sono separate. Il diritto democratico all’autodeterminazione del governo nazionalista di Kiev, che ha bandito la lingua russa, deve essere riconosciuto alle province orientali e meridionali. La Brigata Azov neofascista ha aperto il fuoco sulle due neonate repubbliche della regione del Donbas, uccidendo oltre 15.000 civili. Gli immigrati africani in Ucraina che cercavano di fuggire dalla guerra sono stati oggetto di discriminazione razziale da parte del governo Zelensky.

Inoltre, il suo governo capitalista neoliberale ha appena approvato la legge 5371, in base alla quale il 70% dei lavoratori ucraini non può avere sindacati che negozino accordi di contrattazione collettiva o che si oppongano al licenziamento dei lavoratori da parte del datore di lavoro. Questa legge antisindacale è osteggiata dalla Federazione ucraina dei sindacati. La legge marziale di Zelensky impedisce ai lavoratori di protestare contro le leggi antilavoro scioperando.

L’ILWU deve chiedere la fine della guerra. Soprattutto, dobbiamo appellarci alle azioni portuali del Consiglio Internazionale dei Lavoratori Portuali (IDC) e della Federazione Internazionale dei Lavoratori dei Trasporti (ITF) affinché i lavoratori portuali di tutto il mondo si rifiutino di movimentare carichi militari. Entrambi si sono opposti al massacro sionista dei palestinesi dello scorso anno. Ora possono chiedere la fine della guerra in Ucraina. Le azioni internazionali dei lavoratori che si rifiutano di movimentare carichi militari possono fermarla.

Brian McWilliams (#13303 past International President, ILWU) Larry Wright  (#8534 ret. Local 10 & 91), Clarence Thomas (#8718 ret. Local 10 ), Dan Coffman (#92556 past President of Longview, WA Local 21) Jack Heyman (#8780 ret. Local 10 and IBU), David Newton (#101386 Local 10), Michael Vawter (#8145 ret. Local 10), Stephen Barlow (#8301 Local 10 and 34), Leith Jasinowski-Kahl (#57956 Local 19), James Curtis (#9639 ret. Local 10), Jack Mulcahy (#82013 ret. Local 8), Marcus Holder (#101355 ret. Local 10), Keith Shanklin (#9146 past President of Local 34), Michael O’Sullivan (#8985 ret. Local 10), Russ Miyashiro (#13474 Local 34), Aaron Wright (#8862  Local 10)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...