It was not an accident: Adil was killed in the name of profit! – SI Cobas

Adil Lives in Our Heart

This morning, during the national logistics strike, Adil Belakhdim, our coordinator for Novara and a member of the National Coordination of SI Cobas, was killed by a truck that broke a picket line in front of Lidl warehouse at Biandrate (Novara).

The picket, consisting of a few dozen workers, was hit by a criminal driver, who at the sight of the picket did not hesitate to press the accelerator, first running over two workers who barely managed to save themselves and who are now hospitalized, and then running over our comrade, and fleeing.

Adil was married with two young children. After working at Tnt for years, he chose to return to his country and start a business. Things didn’t go as he had planned, so he came back to Italy and became active in the SI Cobas.

It was he who gave his commitment in Novara to build a provincial coordination, working on daily basis to develop SI Cobas in the Novara area. Comrades from other cities heard his words at the last national coordination, urging the struggle and the participation in tomorrow’s demonstration in Rome. Two years ago, when SI Cobas met Morocco’s largest union representatives, he participated in the delegation and generously hosted us at his home.

Although still incredulous and appalled by this tragedy, we can not silence our anger for a death that cannot in any way be dismissed as a simple accident (as some media presented it at first), nor as the simple action of a lone madman!

Adil’s murder is in fact the culmination of an escalation of organized violence against Si Cobas, which has been going on for months and is now without limits.

Continua a leggere It was not an accident: Adil was killed in the name of profit! – SI Cobas

SI Cobas coordinator of Novara, Adil Belakhdim has been murdered while on the strike picket line. This is a collective crime of the bosses and the Draghi government – TIR

This morning, during the strike at Lidl in Biandrate, a truck driver broke the picket line of the workers on strike, running over and crushing under the wheels of the truck, Adil Belakdim, the SI Cobas coordinator of Novara.

The behavior of the truck driver was criminal, as it had been that of the truck driver who years ago in Piacenza ran over Abd Elsalam Ahmed Eldanf, a worker of the Usb, in very similar circumstances. It would be too easy, however, to blame an individual for this murder. The killing of Adil Belakdim is a collective crime that directly involves the bosses of logistics – with FedEx at the head –, all the employers, the Draghi government.

This killing calls into play the bosses of logistics, because, with FedEx playing the leading role once held by Marchionne’s Fiat / FCA, they seem to be willing to launch a frontal attack on the immigrant proletariat working in the logistics sector; the very same proletariat that in a decade long cycle of struggles led by the SI Cobas has been able to inflict important (although not definitive) blows to the mafia-like system of contracts and sub-contracts, conquering levels of wages, working hours, a long-time-denied freedom of organization in the workplace, respect for their dignity – a mafia-like system, which is the weapon through which multinational companies super-exploit worker labor (not only in logistics: think of Fincantieri, world record holder in the use of sub-contracts), imposing levels of precariousness, of intensity of work and of working hours, so devastating that within 10-15 years they end up wearing out and breaking the muscles and bodies of many workers; all of this in exchange for wages that were often, until recent times, below the subsistence levels.

These employers (with the US FedEx in the lead), who have been working for some time to build and put into action their private squads against workers’ strikes, have blood on their hands.

But it is not just about the emplyers in the logistics sector.

Continua a leggere SI Cobas coordinator of Novara, Adil Belakhdim has been murdered while on the strike picket line. This is a collective crime of the bosses and the Draghi government – TIR

May Day 2021 (Internationalist Revolutionary Tendency)

Italian proletarians and immigrants: let us unite to fight back the attack of bosses and Draghi government!

Proletarians around the world: let us unite to end it all, fighting an increasingly chaotic, ferocious and unsustainable capitalism!

On this first of May, a theme dominates everything: capitalism is getting more and more chaotic, ferocious, unsustainable. It is not us, its irreducible enemies, who claim this: hard facts clearly lay it out. Capitalism has staged a horrific show all across the world plunging us into a pandemic crisis that has already taken three million lives and will likely mark the start of an era of pandemics. Behind Covid-19 is an ecological catastrophe that is rapidly worsening under the pressure of the capitalist exploitation of natural habitats. The pandemic and ecological disaster has triggered the outbreak of a global economic crisis that, both in the Global South and in Europe and the USA, has already pushed hundreds of millions of people into unemployment and poverty.

In this context of health and economic chaos, the competition among powers has intensified both at world level, between the United States, China and the EU, and at regional level. War expenses, indeed the most harmful expenses, are skyrocketing. The stinging stench of upcoming wars can clearly be smelled and the war on emigrants, refugees and asylum seekers has not even temporarily stopped.

Continua a leggere May Day 2021 (Internationalist Revolutionary Tendency)

Alle origini del Covid-19: Agrindustria ed epidemie. Intervista a R. Wallace

Sabato 17 aprile (con apertura alle 9.30) l’Assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori combattivi terrà un’importante iniziativa di contro-informazione, denuncia e organizzazione della lotta in difesa della salute delle masse sfruttate e della vita, a fronte di un capitalismo che si manifesta sempre più come necro-capitalismo, per dirla con i compagni sud-americani. L’intervento introduttivo – dedicato alle cause di questa pandemia – sarà tenuto da Rob Wallace, autore di due studi, Big Farms Make Big Flu e Dead Epidemiologists: on the Origins of Covid-19, giustamente considerati dei riferimenti necessari per inquadrare le cause strutturali della catena di epidemie con cui si è aperto il ventunesimo secolo. Per questa ragione riproponiamo qui una sua intervista (pubblicata in questo blog il 16 marzo scorso), nella quale punta il dito, con la grande competenza che gli è propria, sul ruolo centrale svolto dall’agrindustria nella produzione e nella diffusione dei virus – senza che questo voglia significare farne l’alfa e l’omega della scienza biologica e (tanto meno) sociale in questa questione, o fare nostre alcune sue vere e proprie ingenuità in materia politica.

***

Postato il

Riprendiamo da ZNetItaly un’intervista rilasciata dal biologo evoluzionista R. Wallace, a Yaak Pabst sulla gravita’ e sulla genesi della pandemia covid-19. Le ricerche di Wallace, in particolare Big Farms Make Big Flu, sono un’importante fonte dell’analisi del gruppo Chuǎng, di cui abbiamo tradotto e pubblicato Contagio sociale. Queste ricerche fanno luce sulle cause strutturali delle recenti epidemie e dell’attuale pandemia: fanno risalire lo sciame di virus che hanno imperversato nelle ultime decadi, covid-19 incluso, alla devastazione ambientale e agli allevamenti intensivi, all’agribusiness, in altre parole. Wallace tocca anche le questioni dello smantellamento dei sistemi sanitari, delle restrizioni in regime di quarantena come sperimentazione in vitro di nuove forme di controllo sociale, e della necessita’, vitale, di smantellare l’agrindustria.

Fonte: Znetitaly – Lo spirito della resistenza è vivo; l’intervista e’ stata a sua volta ripresa dalla piattaforma Marx 21 (11 marzo 2020), e tradotta da Giuseppe Volpe.

Versione scaricabile in formato .pdf

Image result for agribusiness deforestation

Quanto è pericoloso il nuovo coronavirus?

Rob Wallace: Dipende da dove ci si trova nella tempistica della propria epidemia locale di Covid-19: all’inizio, al picco, tardi? Quanto è buona la reazione della sanità pubblica della propria regione? A quale segmento demografico si appartiene? Quanti anni si hanno? Si è immunologicamente compromessi? E per considerare una possibilità non diagnosticabile: la propria immunogenetica, la genetica alla base della propria reazione immunitaria, è in linea con il virus o no?

Continua a leggere.

Sosteniamo la lotta degli operai egiziani contro i piani di al-Sisi (MENA Solidarity Network)

Nonostante la brutale repressione di ogni dissenso messa in atto dal macellaio al-Sisi, strettissimo amico del governo e dello stato italiano, a dieci anni dalla intifada che ha percorso l’Egitto e buona parte del mondo arabo, i lavoratori sono ancora in lotta. La mobilitazione degli oltre 7000 operai dell’acciaieria di Helwan, un centro industriale a sud del Cairo, è la risposta al tentativo di smantellamento delle industrie di stato a favore delle industrie private e a quelle di proprietà dell’esercito, nelle cui mani è tutt’ora la gestione di una parte consistente dell’economia egiziana.

Il pretesto per la chiusura del grande impianto siderurgico è lo stato fallimentare e le grandi perdite accumulate, che gli operai attribuiscono alla pessima gestione della produzione e dell’impianto stesso. La protesta è rimasta totalmente pacifica, sebbene un numero enorme di forze di sicurezza sia stato schierato subito dopo il lancio del sit-in, per impedire agli abitanti del centro siderurgico di unirsi ai manifestanti. “Non ce ne andremo, Hisham se ne andrà”, è uno degli slogan della protesta (il riferimento è al ministro delle imprese pubbliche); e “non lo lasceremo fare ai ladri”, un atto di accusa contro coloro che deliberatamente hanno provocato il fallimento dell’azienda che lo stato vuole mettere in vendita.

La lotta dei lavoratori, che ha suscitato un’ampia solidarietà, prosegue nonostante le offerte di forti indennizzi ai lavoratori da parte dello stato, purché accettino di sciogliere il sit.in. L’offerta è stata rifiutata all’unanimità, anzi i lavoratori hanno mantenuto aperti i forni, per dimostrare che la produzione è tuttora attiva e non, come sostiene il ministero, ferma da tempo. L’articolo che pubblichiamo, riprendendolo da MENA Solidarity Network, richiama la storia del tentativo di dotare l’Egitto di un’industria di stato operata da Nasser, un piano che fu messo in atto in parallelo con la stroncatura di ogni protesta operaia e la creazione dei sindacati di stato, quei sindacati la cui funzione fu smascherata definitivamente proprio in occasione della grande insorgenza proletaria e popolare del 2011, preparata a sua volta da un’ondata di scioperi operai. La repressione in atto non è in grado certo di annullare le condizioni di estrema miseria in cui versa gran parte della popolazione; permangono quindi i presupposti che preparano altre insorgenze, altre lotte, che ci auguriamo vadano al di là del mondo arabo che è tuttora in grande fermento.

***

English version: https://menasolidaritynetwork.com/2021/03/07/we-will-not-leave-it-to-the-thieves-egyptian-steel-workers-battle-for-justice-after-plant-slated-for-closure/

***

“Non lo lasceremo ai ladri!” I lavoratori siderurgici egiziani combattono per la giustizia dopo la chiusura dell’impianto

I lavoratori della Iron and Steel Company di Helwan, ai margini meridionali del Grande Cairo, hanno trascorso il decimo anniversario della rivoluzione egiziana del 25 gennaio organizzando una massiccia manifestazione nella loro fabbrica. Tuttavia, la loro marcia di migliaia di persone non è stata né una celebrazione della rivolta popolare che ha spodestato il presidente Hosni Mubarak nel 2011, né una riaffermazione del ruolo della classe operaia nel processo rivoluzionario. Infatti, i lavoratori della Iron and Steel difendevano la fonte di sostentamento per loro e per le loro famiglie, protestando contro la liquidazione dell’intera fabbrica decretata da un’assemblea generale straordinaria l’11 gennaio. Temendo la chiusura definitiva della fabbrica creata 67 anni fa, i circa 7.300 lavoratori dello stabilimento hanno iniziato ad agitarsi e alla fine hanno proclamato un sit-in permanente sul posto il 17 gennaio.

Continua a leggere Sosteniamo la lotta degli operai egiziani contro i piani di al-Sisi (MENA Solidarity Network)