Carovita, guerra, sfruttamento e devastazioni. Costruiamo un agenda di lotta per l’autunno, Bologna, 18 settembre – SI Cobas

Carovita, guerra, crisi, devastazioni, sfruttamento e repressione: cambiano i governi, ma il capitalismo è sempre più sinonimo di barbarie.

Rilanciamo l’opposizione proletaria ai piani di miseria, al militarismo e alle politiche di macelleria sociale dei padroni.

Costruiamo un’agenda di lotta per il prossimo autunno che ponga al centro la necessità di un vero sciopero generale.

DOMENICA 18 SETTEMBRE, ORE 11,00- ASSEMBLEA NAZIONALE A BOLOGNA

L’invasione russa dell’Ucraina, oramai in corso da oltre sei mesi, ha impresso una nuova, impressionante accelerazione alla crisi capitalistica mondiale: la competizione tra i principali blocchi imperialisti ha assunto apertamente il carattere di uno scontro militare, seppure (per ora) ancora “per procura”.
La corsa frenetica al riarmo, e la moltiplicazione dei teatri di contesa politico-militare (su tutti Taiwan) si innesta in un contesto di crisi strutturale del capitalismo, con il peggioramento delle condizioni dei proletari delle metropoli capitalistiche ed un’ulteriore, drammatica caduta delle condizioni di vita delle masse povere delle aree capitaliste più arretrate del pianeta, le crisi finanziarie dello scorso decennio, la catastrofe ambientale-climatica e, in ultimo, la pandemia di CoViD.

L’aumento vertiginoso del prezzo del gas naturale, dell’energia e, con esse, dei beni di prima necessità, sta già da mesi falcidiando il potere d’acquisto dei salari: di fronte alle previsioni di aumento delle bollette in autunno dal 100% fino al 300% in Italia, le blande misure varate dal governo Draghi coi “Decreti aiuti” (tutte sbilanciate a favore delle imprese) si riveleranno dei miseri palliativi, soprattutto a fronte di una nuova impennata di richieste di accesso alla CIGS (già cresciute del 45% nel semestre gennaio-giugno 2022) e di una probabile nuova ondata di licenziamenti di massa, coi quali i padroni punteranno, come sempre, a scaricare sulle spalle dei lavoratori e dei proletari l’aumento dei costi aziendali derivante del caro-energia.

Nel bel mezzo di questa “tempesta perfetta” abbiamo assistito alla rapida eclissi del “governo dei migliori” (sostenuto dalla quasi totalità dei partiti borghesi) e allo scioglimento delle camere. Il triste quanto scontato gioco dello scaricabarile tra i partiti dell’ex “maggioranza bulgara” a sostegno di Draghi, cela in realtà la presa d’atto del fallimento politico dei “tecnici” nel governare una crisi di tale portata, e la volontà di cedere la “patata bollente” ad altre coalizioni di partiti (presumibilmente la destra reazionaria di Meloni e Salvini). Non prima, però, di aver salvaguardato i profitti dei padroni e della grande borghesia con la pioggia di miliardi del PNRR da mettere al sicuro entro settembre.

Ci ritroviamo ora di fronte all’ennesimo teatrino elettorale borghese: una liturgia che serve solo a definire quali saranno le politiche di peggioramento delle condizioni di vita dei proletari e gli sfruttati, i quali, non a caso, si fanno stordire meno di un tempo dai mulinelli di chiacchiere delle kermesse elettorali e ad ogni tornata vanno ad ingrossare sempre più il bacino dell’astensione.

Continua a leggere Carovita, guerra, sfruttamento e devastazioni. Costruiamo un agenda di lotta per l’autunno, Bologna, 18 settembre – SI Cobas
Pubblicità

Il favoloso mondo della Brexit, 5. Una raffica di scioperi contro l’impoverimento di massa dei lavoratori

“Tutti chiedono aumenti in linea con l’inflazione e c’è una grande rabbia tra la gente per l’aumento del costo della vita dopo oltre dieci anni di tagli ai servizi pubblici. Per questo c’è una grande solidarietà con chi sciopera, nonostante i disagi”. Molto interessante.

Ritorniamo, con una quinta puntata, sugli stupefacenti miglioramenti che i lavoratori del Regno Unito avrebbero dovuto conseguire con la Brexit, e non hanno affatto conseguito. Al contrario!

Questa volta ci limiteremo in larga parte a trascrivere ciò che scrive oggi, 28 agosto, nientemeno che Il Sole 24 ore. La corrispondente da Londra Nicol Degli Innocenti verga un pezzo intriso di non innocente ironia sull’attuale condizione in Gran Bretagna, la cui stampa si diletta quotidianamente nel dileggiare le cose italiane. Ma gli elementi che porta sono dati di fatto incontrovertibili e parlanti.

Leggiamo:

“La Gran Bretagna sta facendo un tuffo nel passato. Non sta tornando alle lontane glorie dell’Impero tuttora rimpianto da tanti Tories, tra i quali Boris Johnson. (…) L’era verso la quale sta tornando la Gran Bretagna è più recente e decisamente poco gloriosa (…) Si profila infatti un altro ‘inverno del malcontento‘ come quello del 1978. La frase poetica, presa in prestito da William Shakespeare, è ormai associata a scene prosaiche come le migliaia di morti che non trovano sepoltura a causa dello sciopero dei becchini o le montagne di sacchi della spazzatura nelle eleganti piazze londinesi per la protesta degli addetti alla raccolta dei rifiuti”.

E qui comincia la descrizione (sommaria) della catena degli scioperi in corso o in preparazione.

Continua a leggere Il favoloso mondo della Brexit, 5. Una raffica di scioperi contro l’impoverimento di massa dei lavoratori

Appello per una mobilitazione generale contro guerra e carovita

Un primo passo importante è stato fatto: nella riunione del 9 aprile a Roma le organizzazioni e i movimenti firmatari dell’appello che qui pubblichiamo hanno concordato su tutti gli aspetti principali dell’attuale scontro inter-imperialistico che si svolge sul teatro di guerra ucraino.

Ora è necessario ed urgente perfezionare il lavoro fatto ed innalzare il livello dell’attività in direzione di un coerente internazionalismo. Non è sufficiente disapprovare l’invio di armi all’Ucraina se poi si giustificano, in un modo o nell’altro, presunte difese della patria, o se si cerca di mettere in buona luce e giustificare uno dei due contendenti. Questa guerra non si fa né per difendere l’indipendenza dell’Ucraina, né per denazificarla; si fa solo per gli interessi di dominio e di sfruttamento di entrambi gli schieramenti iper-capitalistici contendenti (NATO/USA/UE/Italia da un lato, Russia e suoi alleati dall’altro) – interessi opposti a quelli dei proletari ucraini, russi, europei e di tutto il mondo (pensiamo alla crisi alimentare già in corso in alcuni paesi), che, a seconda dei casi, stanno pagando e pagheranno prezzi pesanti o terribili, chiunque sarà il vincitore. Ed è per questo che lo sforzo appena avviato deve proiettarsi molto oltre i confini nazionali verso collegamenti e iniziative di carattere internazionale e internazionalista. (Red.)

***

PER UNA MOBILITAZIONE GENERALE CONTRO GUERRA E CAROVITA!

La guerra in Ucraina è l’ultimo tassello della crisi storica del modo di produzione capitalistico che sta portando l’umanità su di un piano inclinato fatto di scontri inter-imperialistici, escalation militare ed esplosioni a catena di contraddizioni che si intrecciano a livello globale sul piano economico, ecologico, finanziario, sanitario, politico. L’aggressione da parte della Federazione Russa è lo sbocco militare su larga scala di un conflitto che va avanti da anni, è frutto della feroce competizione per il controllo dei mercati, delle materie prime e delle reti di trasporto del paese e dell’espansione ad est della NATO. Il governo russo è stato disposto ad utilizzare l’invasione militare per tutelare gli interessi strategici dei monopoli del proprio campo nello spazio ex-sovietico, mentre USA, NATO e UE stanno combattendo una guerra per procura riempendo di armi e mercenari il governo ucraino – dopo aver sostenuto per anni nazionalisti e neonazisti in quel paese – e ostacolando qualsiasi soluzione diplomatica del conflitto. Per dare un contributo alla lotta contro la guerra – che non può che avere un respiro internazionalista – il nostro compito principale deve essere quello di lottare e denunciare le responsabilità del nostro governo, della NATO e dall’UE, del nostro imperialismo, e combattere contro il nemico in casa nostra.

L’Italia è già in guerra. Lo è con la fornitura massiccia di armamenti al governo ucraino, con il piano di riarmo e con l’aumento delle spese militari, con le migliaia di militari già stanziati con i contingenti NATO in Romania e nei Paesi Baltici, con la propaganda russofobica, con le politiche interne verso un’economia di guerra. Le conseguenze sociali in termini di costi materiali sono e saranno scaricate su lavoratori, lavoratrici e strati popolari con licenziamenti, precarietà, carovita, disoccupazione, l’abbandono anche della finta transizione “green” con il ritorno ad energie inquinanti, l’escalation repressiva e la criminalizzazione delle lotte per pacificare preventivamente il fronte interno.

Continua a leggere Appello per una mobilitazione generale contro guerra e carovita