PNRR: Piano Nazionale di Radiazione di ogni Resistenza (umana) – Il Rovescio

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo testo scritto da “una compagna che da trent’anni si occupa di salute (in senso professionale e non solo)” ricco di spunti condivisibili, che sono stati trattati e discussi più volte su questo blog e nell’Assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori combattivi del 17 aprile scorso, alla cui organizzazione abbiamo partecipato – un testo che ha anche qualche enigmatico silenzio, qualche enfasi di troppo, forse, e un appello finale da raccogliere, e da integrare.

Troviamo essenziale, anzi discriminante, la premessa che la compagna fa: siamo davanti ad “un’emergenza sanitaria reale” di carattere mondiale (una pandemia), e “sminuirne la gravità è un errore” (anche in considerazione del long covid, più rilevante tra i giovani, “con conseguenze sul lungo termine ancora ignote”). Discriminante perché c’è chi sostiene, invece, che si possa criticare la gestione statale e padronale della pandemia, che è stata ed è per noi criminale, caotica, terroristica sul piano della comunicazione, e discriminatoria-repressiva con l’adozione del “green pass”, solo a condizione di ritenere la covid-19 un virus banale, “più o meno un’influenza stagionale”, o qualcosa di cui non si sa bene cosa sia e che colore abbia, chi la conta cotta, chi la conta cruda, cosa importa? Una posizione da ciarlatani, che rifiutano di fare i conti con la realtà.

Altrettanto d’accordo siamo con la compagna sull’importanza della ricerca delle cause, e sul fatto che la pandemia ha assunto in Italia (e in tutto l’Occidente) questa portata anche per effetto “delle scelte operate negli ultimi 30 anni nel servizio sanitario nazionale”. Che non riguardano solo i tagli alla spesa, le privatizzazioni, etc., come se prima dei tagli e delle privatizzazioni tutto andasse per il meglio; riguardano, più in profondità, la direzione assunta da molti decenni dalla medicina, la sua crescente concentrazione sui sintomi da “curare” con farmaci e protocolli “senza alcuna considerazione del contesto individuale e ambientale” entro cui le malattie nascono e si sviluppano. A riguardo abbiamo più volte ricordato su questo sito il contributo di Giulio Maccacaro sulla centralità, disconosciuta dal capitale, della prevenzione primaria, “quella che si applica al soggetto sano per conservarne la salute e impedirne la malattia”, che considera il processo morbigeno per lo più multifattoriale ed è “tatticamente fondata sul riconoscimento della predisposizione e l’abbattimento dell’eziologia, ma strategicamente rivolta alla promozione della salute come valore positivo”.

L’enorme potere iatrogeno delle case farmaceutiche [da ultimo illustrato, per gli Stati Uniti, in materia di oppiodi da Anne Case e Angus Deaton in Morti per disperazione e il futuro del capitalismo] ha in effetti bisogno sia di “consumatori fidelizzati”, farmaco-dipendenti, sia della accettazione di un approccio “espressamente commerciale” alla malattia e ai malati da parte della “fetta, ahimé consistente, di medici e ricercatori compiacenti”. Sottoscriviamo in pieno. Incluso l’ultimo passaggio, che riconosce l’esistenza di una quota, certo minoritaria, o anche molto minoritaria ma reale, di medici e ricercatori non compiacenti, liberi, da chiamare in causa e quindi alla “auto-organizzazione”. Sostenere invece che la scienza e la ricerca scientifica in generale e nella loro totalità producano oggi “solo disumanizzazione”, è ancora una volta da ciarlatani, che sulla base di tale falsa premessa si sentono poi autorizzati a sparare ogni sorta di idiozie, magari accreditando “ricercatori” affetti anche loro da dosi rilevanti di ciarlataneria, presi a pedate nel didietro, a suo tempo, da un certo Sabin, grande scienziato di memorabile integrità.

Continua a leggere PNRR: Piano Nazionale di Radiazione di ogni Resistenza (umana) – Il Rovescio