Un piccolo dossier sull’Africa di oggi e di ieri

L’uccisione in Congo dell’ambasciatore italiano e della sua guardia del corpo hanno riportato per qualche giorno l’attenzione dei mass media sull’Africa sub-sahariana. E’ stata l’occasione per un’altra spudorata campagna di criminalizzazione delle popolazioni africane, e – in parallelo – l’occasione per rilanciare il rancido mito degli “italiani brava gente” (quali che fossero le caratteristiche personali di Attanasio – ogni ambasciatore, per obbligo di funzione, è ambasciatore degli interessi del “proprio” capitalismo, in esecuzione di quelli che il gelido custode della ragion di stato Mattarella ha definito “doveri professionali”).

Su “L’Espresso” di oggi, 28 febbraio, Fabrizio Gatti, che pure fu autore in passato di inchieste interessanti, arriva al punto da ipotizzare che l’agguato sia una rappresaglia anti-italiana per le meritorie iniziative dell’ENI di De Scalzi (“l’avvio di un progetto per la produzione di elettricità da fonti rinnovabili e la sua distribuzione per usi civili e industriali e anche lo sviluppo di iniziative per difendere le foreste dal commercio illegale di legname”)! L’umanitaria ENI, attiva in Congo da più di dieci anni alla ricerca di petrolio e di gas, che ha arraffato, insieme con l’Hedge Fund statunitense Och-Ziff, la lucrosa licenza Marine XII, dopo essersi assicurato il mega-giacimento di Marine XI; l’ENI protagonista della spoliazione del Delta del Niger e della causazione, lì, di una devastante catastrofe ecologica; l’ENI corruttrice internazionale di primissimo livello … (cfr. https://gliasinirivista.org/leni-in-africa/ – al netto dell’idiotismo legalitario sottotraccia, che non vuol prendere in considerazione il fatto che le tangenti sono il modus operandi ordinario delle multinazionali).

Continua a leggere Un piccolo dossier sull’Africa di oggi e di ieri

Crisi Covid-19. La responsabilita’ di multinazionali e governi. Intervista di Papis Ndiaye a Pietro Basso

Image result for environmental crisis corporates

– Quali sono le cause delle nuove malattie del XXI secolo?
– Perche’ la sanita’ pubblica, in Italia come altrove, rischia di soccombere?
– Perche’ il contagio non si arresta?
– Qual’e’ in prospettiva il significato della forte limitazione della liberta’ delle persone?
Sulla necessita’ di una piattaforma di lotta radicale e internazionalista.

LINK AL VIDEO

Papis Ndiaye e’ il coordinatore dei lavoratori organizzati col S.I. COBAS a Milano, da giorni in lotta praticando l’astensione volontaria dal lavoro per rivendicare la chiusura delle attività non essenziali come unica concreta possibilità di ridurre i contatti sociali e prevenire il contagio e i morti.

Pietro Basso e’ della redazione del Cuneo Rosso, che rivendica la necessità di una prospettiva internazionalista per la riorganizzazione nella lotta del movimento proletario.