Il crack dell’Amerika (II)

Mentre decine di grandi città degli Stati Uniti sono piene di giovani neri, ma non solo neri, in rivolta; mentre la loro incontenibile furia costringe il duro Trump a rintanarsi come un coniglietto qualsiasi nel bunker della Casa Bianca; mentre la loro minacciosa forza costringe un certo numero di poliziotti a onorare in ginocchio George Floyd; vale la pena riprendere il nostro cortometraggio sul crack della società statunitense proprio dal sistema dell’istruzione, per poi occuparci della inaudita polarizzazione sociale e chiudere le nostre riprese sui punti di forza dell’Amerika, e sui nessi con i suoi punti deboli – sempre, si capisce, con l’aiuto di Massimo Gaggi, giornalista del Corriere della sera. Dopo lo lasciamo libero … (foto e descrizioni tratte da: Joakim Eskildsen, Photo Essay: Deep Poverty in America)

Continua a leggere Il crack dell’Amerika (II)

Le donne nella tempesta della crisi

Incredibile, ma vero. Questa è la prima grande crisi del capitalismo esplosa sul terreno della riproduzione della vita sociale, un’attività nella quale sono impegnate in prima fila le donne, sia fuori che dentro le case. Eppure manca finora una seria riflessione sulle dure conseguenze che la gestione capitalistica della crisi sta avendo sulla vita delle lavoratrici e della massa delle donne senza privilegi. Qui un piccolo contributo ad aprire il discorso. E a preparare una risposta di lotta.

Migrating children and women, suffer 'sexual violence ...

La crisi che stiamo attraversando ha un impatto particolarmente pesante sulla vita delle donne. Questa questione dovrebbe essere presente ai movimenti di lotta e a tutti coloro che si rifiutano di pagare il prezzo di questa crisi, come una questione non settoriale, che non riguarda un gruppo o una categoria, ma attraversa tutti i settori del proletariato.

Continua a leggere Le donne nella tempesta della crisi

Gli artigli dei militari italiani e Usa sulla didattica a distanza ai tempi del Coronavirus, di A. Mazzeo

Iniziativa a Padova contro la militarizzazione delle scuole ...

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento di Antonio Mazzeo, attivista anti-militarista di lunga data, che evidenzia con l’abituale puntualità, e denuncia, la prosecuzione dell’azione di penetrazione nella scuola dell’esercito italiano e statunitense, che ha conosciuto un balzo in avanti con le squallide celebrazioni della prima guerra (carneficina) mondiale. Intendiamo tenere alta l’attenzione su questo doppio versante – l’intensificazione del militarismo capitalistico, anche nelle sue attività “sociali”, e la promozione anti-sociale della scuola a distanza – perché sono due aspetti dello sforzo di riorganizzazione reazionaria e da caserma della società in corso in Italia, in Europa, e molto oltre, da contrastare con tutte le forze.

Fonte: Antonio Mazzeo Blog, 4 maggio 2020

Non sarà certo la pandemia da coronavirus a porre un freno all’invasivo processo di militarizzazione del sistema scolastico. Scuole chiuse sino alla fine dell’anno? Nessun problema: anche l’Esercito ricorrerà alla didattica a distanza per mantenere stretti i legami con istituti e studenti e portare a termine nel migliore dei modi i propri programmi di formazione interdisciplinare e indottrinamento cultural-militare.

Sarà ancora una volta la Sicilia a fare da battistrada della fase 2.0 della partnership scuola-forze armate.

Continua a leggere Gli artigli dei militari italiani e Usa sulla didattica a distanza ai tempi del Coronavirus, di A. Mazzeo