Venezia, 20 maggio. Due iniziative contro la guerra, l’economia di guerra, il governo Draghi

Il 20 maggio, giorno di sciopero generale indetto dalla quasi totalità del “sindacalismo di base”, a Venezia ci saranno due iniziative: l’una, al mattino, indetta dall’SGB; l’altra – al pomeriggio – indetta dal Comitato permanente contro le guerre e il razzismo di Marghera, che unirà alla denuncia della guerra in Ucraina, dell’economia di guerra e del governo Draghi, la denuncia della guerra infinita condotta dallo stato di Israele contro il popolo palestinese, i cui ultimi atti sono stati la catena di provocazioni nei pressi della moschea di al-Aqsa a Gerusalemme e l’uccisione a Jenin della giornalista palestinese di Al Jazeera, Shirin Abu Akleh.

Si stanno raccogliendo le adesioni alle due iniziative.

Per un’opposizione internazionalista alla guerra in Ucraina e al militarismo, fuori e contro ogni schieramento imperialista – SI Cobas (italiano – english)

Report dell’assemblea nazionale di domenica 13 marzo

Nella mattinata di domenica 13 marzo più di 150 tra lavoratori, militanti sindacali, politici e attivisti hanno risposto all’appello lanciato dal SI Cobas prendendo parte all’assemblea nazionale (su zoom) contro la guerra in Ucraina e più in generale contro il clima di escalation bellicista in atto su scala internazionale.

Ascolta la registrazione dell’assemblea

Dopo l’introduzione del SI Cobas, hanno animato il dibattito compagne e compagni di Pasado y presente del marxismo rivoluzionario, Centro di documentazione contro la guerra di Milano, Comitato immigrati in Italia di Roma, Carmilla on line, Comitato 23 settembre, Jacobin (redazione per l’Europa), Tendenza internazionalista rivoluzionaria, Laboratorio Politico Iskra, delegati operai e dirigenti del SI Cobas, Collettivo operaio Gkn, Movimento No Muos, Fronte della gioventù comunista, Sinistra anticapitalista, Pcl, Comitato contro le guerre e il razzismo di Marghera, Movimento dei disoccupati 7 novembre, Sgb.

Dagli oltre 20 interventi è emersa una sostanziale omogeneità di intenti riguardo la necessità di dar vita a uno spazio comune di confronto, orientamento e iniziativa che abbia come sua discriminante l’opposizione a tutti i fronti in campo, con la ovvia priorità di denunciare l’apporto dato dal “nostro” capitalismo, dal “nostro” stato, dai “nostri” governi, e dalle alleanze di cui l’Italia è parte (NATO, UE), allo scoppio della guerra in corso.

Continua a leggere Per un’opposizione internazionalista alla guerra in Ucraina e al militarismo, fuori e contro ogni schieramento imperialista – SI Cobas (italiano – english)