Uvalde, America tra polarizzazione e decomposizione. Registrazione dell’assemblea

I have no mercy or compassion in me for a society that will crush people, and then penalize them for not being able to stand up under the weight.

Malcom X.

Venerdì 17 giugno il Centro di documentazione contro la guerra di Milano ha organizzato con la redazione di questo blog un’assemblea sulla situazione odierna negli Stati Uniti, prendendo le mosse dal fatto emblematico della strage di Uvalde, Texas. La relazione di Pietro Basso e gli altri interventi hanno reso la fotografia di un gigante dai piedi d’argilla, impegnato all’esterno in guerre per procura ed insidiato all’interno da un processo di polarizzazione, che vede svilupparsi dei germi di lotta, e produce la decomposizione di quel tessuto connettivo interclassista che è essenziale per la stabilità della dittatura del capitale all’interno e per il dominio mondiale.

Per ascoltare per intero l’assemblea clicca qui.

Leggi anche: Uvalde è l’America, una società in disgregazione, postato il

Uvalde, America: tra polarizzazione e decomposizione. Venerdì 17 giugno, ore 18, libreria Calusca, Milano

Venerdì 18 giugno 2022, ore 18:00

UVALDE, AMERICA. TRA POLARIZZAZIONE E DECOMPOSIZIONE

Il gigante dai piedi di argilla, tra guerre per procura all’esterno e disgregazione sociale al suo interno.

Partendo dal massacro avvenuto nella scuola elementare di Uvalde discuteremo della situazione attuale e del suo divenire con Pietro Basso della redazione de Il pungolo rosso.

Sarà possibile seguire e intervenire anche online. Per ricevere il link scrivere a: centrodocumentazionecontrolaguerra@inventati.org

Poco prima dell’inizio invieremo link e riferimenti a chi li avrà richiesti.

L’incontro avverrà in diretta streaming: https://cox18.noblogs.org/

Leggi anche: Uvalde è l’America, una società in disgregazione, postato il

La registrazione dell’incontro, invece, è qui:

Uvalde è l’America, una società in disgregazione

Nella società statunitense i morti per disperazione e quelli prodotti da disperati si ammassano quotidianamente come merci di scarto nel più smisurato supermercato del mondo.

Curioso. A una settimana dal massacro di Uvalde, nella moltitudine di geo-strateghi che sdottorano sulla guerra in Ucraina, neppure uno di numero ha collegato quel tragico evento all’incontenibile bisogno di massacro manifestato in questi mesi dall’amministrazione Biden, dall’Ucraina a Taiwan. Eppure il nesso è evidente.

Gli Stati Uniti d’America sono oggi una società in disgregazione, solcata da fratture di classe, razziali, politiche, culturali, territoriali in via di allargamento. Una società in cui i morti per disperazione e i morti prodotti da disperati si ammonticchiano quotidianamente come merci di scarto nel più smisurato supermercato del mondo, i cui scaffali sono affollati da armi d’ogni tipo. In questa società imperversa la stessa necessità” di omicidi di massa che gli Stati Uniti hanno esportato ovunque negli ultimi decenni, dai deserti e dalle città dell’Iraq alle periferie di Belgrado fino alle montagne dell’Afghanistan, con il concorso dei volonterosi carnefici amici. Al di là del dollaro, il cui regno è sempre più efficacemente contestato nel mondo, è la violenza bruta l’arma di ultima istanza con cui l’invecchiata superpotenza tenta di frenare il suo irreversibile declino.

Solo dei poveri fessi ignari di tutto possono scambiare la cupa Amerika del 2022 con quella trionfante e allegra del 1945, magnete attrattivo – checché se ne dica – anche per le genti al di là della cortina di ferro. Così tanto al di sopra di leggi e convenzioni valide per tutti gli altri stati (a cominciare dalla Germania nazista appena sconfitta e processata per i suoi crimini) da poter esibire, a guerra finita, la propria arma di sterminio di massa senza dover pagare alcun dazio morale. Commettere l’efferato crimine di polverizzare in un istante la vita di centinaia di migliaia di esseri umani a Hiroshima e Nagasaki, e subito dopo, come nulla fosse accaduto, inondare i paesi sudditi di “generosi” anticipi e simpatiche gag/accattivanti sorrisi delle star hollywoodiane. Quanto lontani quei tempi! Certo, il complesso militare-industriale continua a funzionare a pieno regime, ed è in grado, anche più dell’omologo russo, di generare terrore, ove direttamente, ove per interposti burattini. Ma – questa è la grande novità – l’interna decomposizione di quella che osò proporsi come la prima società moderna totalmente coesa, composta di soli ceti medi, ha reso questa grande potenza militare impotente, da mezzo secolo, a vincere fino in fondo una sola guerra, per quanto asimmetrica fosse. Da mezzo secolo l’Amerika, o perde le guerre (Vietnam, Afghanistan), o perde la “pace” (Iraq, Libia, Siria).

Continua a leggere Uvalde è l’America, una società in disgregazione