Ricordiamo Adil, ucciso nella lotta – SI Cobas

La violenza padronale è quasi sempre impunita. L’assassino di Adil è stato lasciato libero dopo pochi giorni, ed è stato accusato di “omicidio stradale”. Non ci stupisce. Gli organi dello Stato, forze dell’ordine e magistratura in testa, intervengono sempre più pesantemente contro gli scioperi, a fianco dei padroni, anche quando questi calpestano i diritti dei lavoratori.

Un anno fa, il 18 giugno 2021 Adil Belakhdim, coordinatore del SI Cobas di Novara, veniva deliberatamente investito e ucciso da un camionista uscito dal magazzino Lidl di Biandrate (NO) contromano.

Ricordiamo Adil nel primo anniversario dell’uccisione perché la violenza padronale deve avere come risposta l’aumento della determinazione alla lotta per la difesa.

Leggi anche:

Non è stato un incidente: Adil è stato ammazzato in nome del profitto! – SI Cobas, postato il giugno 18, 2021

Assassinato il coordinatore SI Cobas di Novara, Adil Belakhdim, mentre era al picchetto dello sciopero – un crimine collettivo dei padroni e del governo Draghi – TIR, postato il giugno 18, 2021

Non si trattò di una fatalità, né di un caso isolato. Sono decine ormai gli episodi in cui gli autisti sono incitati dalle aziende a sfondare i picchetti. È una forma di violenza padronale, come l’ingaggio di bodyguard per aggredire i picchetti da parte di Zampieri per conto di Fedex, come i numerosi licenziamenti di lavoratori “colpevoli” di lottare per migliori condizioni. 

Continua a leggere Ricordiamo Adil, ucciso nella lotta – SI Cobas

Uvalde è l’America, una società in disgregazione

Nella società statunitense i morti per disperazione e quelli prodotti da disperati si ammassano quotidianamente come merci di scarto nel più smisurato supermercato del mondo.

Curioso. A una settimana dal massacro di Uvalde, nella moltitudine di geo-strateghi che sdottorano sulla guerra in Ucraina, neppure uno di numero ha collegato quel tragico evento all’incontenibile bisogno di massacro manifestato in questi mesi dall’amministrazione Biden, dall’Ucraina a Taiwan. Eppure il nesso è evidente.

Gli Stati Uniti d’America sono oggi una società in disgregazione, solcata da fratture di classe, razziali, politiche, culturali, territoriali in via di allargamento. Una società in cui i morti per disperazione e i morti prodotti da disperati si ammonticchiano quotidianamente come merci di scarto nel più smisurato supermercato del mondo, i cui scaffali sono affollati da armi d’ogni tipo. In questa società imperversa la stessa necessità” di omicidi di massa che gli Stati Uniti hanno esportato ovunque negli ultimi decenni, dai deserti e dalle città dell’Iraq alle periferie di Belgrado fino alle montagne dell’Afghanistan, con il concorso dei volonterosi carnefici amici. Al di là del dollaro, il cui regno è sempre più efficacemente contestato nel mondo, è la violenza bruta l’arma di ultima istanza con cui l’invecchiata superpotenza tenta di frenare il suo irreversibile declino.

Solo dei poveri fessi ignari di tutto possono scambiare la cupa Amerika del 2022 con quella trionfante e allegra del 1945, magnete attrattivo – checché se ne dica – anche per le genti al di là della cortina di ferro. Così tanto al di sopra di leggi e convenzioni valide per tutti gli altri stati (a cominciare dalla Germania nazista appena sconfitta e processata per i suoi crimini) da poter esibire, a guerra finita, la propria arma di sterminio di massa senza dover pagare alcun dazio morale. Commettere l’efferato crimine di polverizzare in un istante la vita di centinaia di migliaia di esseri umani a Hiroshima e Nagasaki, e subito dopo, come nulla fosse accaduto, inondare i paesi sudditi di “generosi” anticipi e simpatiche gag/accattivanti sorrisi delle star hollywoodiane. Quanto lontani quei tempi! Certo, il complesso militare-industriale continua a funzionare a pieno regime, ed è in grado, anche più dell’omologo russo, di generare terrore, ove direttamente, ove per interposti burattini. Ma – questa è la grande novità – l’interna decomposizione di quella che osò proporsi come la prima società moderna totalmente coesa, composta di soli ceti medi, ha reso questa grande potenza militare impotente, da mezzo secolo, a vincere fino in fondo una sola guerra, per quanto asimmetrica fosse. Da mezzo secolo l’Amerika, o perde le guerre (Vietnam, Afghanistan), o perde la “pace” (Iraq, Libia, Siria).

Continua a leggere Uvalde è l’America, una società in disgregazione

Israele: un ex-ufficiale e 100 soldati contro le violenze dei coloni

Una compagna che collabora attivamente al nostro blog ci ha segnalato da giorni la lettera aperta di protesta di 100 soldati israeliani contro la protezione accordata dall’esercito alle violenze dei coloni.

Lo ha fatto con questa avvertenza: “La situazione in Israele, con l’attuale governo [Bennett] è decisamente pericolosa” per il ruolo fondamentale che hanno in esso “la destra ebraica in mano al sionismo messianico e kabalista (…) e le correnti rabbiniche ortodosse. La degenerazione appare evidente dalla commistione tra l’apparato militare e i coloni. Per questo motivo la denuncia contenuta in questo articolo è importante. A pubblicarlo è Jstreet, un’associazione ebraica moderata secondo i criteri dell’ebraismo organizzato americano. Questa informazione non trova spazio nei nostri media e non allerta la sinistra istituzionalizzata italiana che si definisce progressista ma che, ignorando la deriva fanatica dei coloni ebrei e la presa e il radicamento delle loro ideologie nei vertici militari e politici di Israele, finisce col dare appoggio ad uno stato” che prima si è dichiarato etnico (“lo stato degli ebrei”) e che da anni si va configurando sempre più come “una teocrazia che mira all’annessione di Samaria e Giudea in nome della Torah e della creazione del Regno”.

Forse non siamo ancora a questo, ma ci sono pochi dubbi sul fatto che il cammino in tale direzione sia sempre più strutturato e sempre più interno all’impalcatura istituzionale di Israele – ed è verissimo che nulla trapela di questa aberrante tendenza nei mass media del nostro regime democratico.

La posizione dell’ex-ufficiale israeliano e quella dei 100 soldati sono espressione di una contraddizione che diventerà sempre più lacerante, e richiederà a loro e agli israeliani che sono sinceramente contro l'”ingiustizia di questa occupazione occupazione decennale” molti altri passi in avanti: non si può essere al contempo per lo stato di Israele e per “una vera pace israelo-palestinese”, o l’una o l’altra. Una “vera pace” tra le masse proletarie e oppresse palestinesi e la parte non sfruttatrice della società israeliana sarà possibile solo con lo smantellamento dello stato di Israele, stato coloniale, programmaticamente etnico, e sempre più permeato di elementi “religiosi”, attraverso la loro sollevazione rivoluzionaria congiunta.

Queste prime forme di resistenza e di dissenso nelle file dell’esercito israeliano, allo stesso tempo coraggiose e timide, le salutiamo con favore perché preparano, da molto lontano, la sua crisi – e cadono a fagiolo proprio mentre l’ancor più “invincibile” esercito yankee è costretto ad una nuova, ingloriosa ritirata dall’Afghanistan.

***

EX UFFICIALE DELL’IDF: DOBBIAMO SMETTERE DI CONSENTIRE LA VIOLENZA DEI COLONI, 100 soldati dell’IDF scrivono una lettera

https://frammentivocalimo.blogspot.com/2021/07/ex-ufficiale-dellidf-dobbiamo-smettere.html?spref=fb&m=1

Sintesi traduzione

Il filmato è nauseante.

Un colono israeliano a torso nudo proveniente da un avamposto illegale spara con quello che sembra essere un M-4 americano contro i palestinesi nel villaggio di Urif in Cisgiordania. Accanto a lui, sorridenti, due soldati dell’IDF in uniforme.

Nove palestinesi sono rimasti feriti nel caos. Nidal Safadi, 25 anni, padre di tre figli, è stato ucciso.

Rapporti di organizzazioni israeliane e americane hanno ora dettagliato una serie di cinque attacchi congiunti provocati da coloni e soldati dell’IDF quel giorno, 14 maggio. Ogni attacco congiunto includeva violenza contro i civili palestinesi, l’incendio di terreni agricoli e l’uso di munizioni vere. Quattro palestinesi sono stati uccisi.

Sono un ex ufficiale dell’IDF. I miei figli hanno prestato servizio nell’IDF. Ho addestrato centinaia di giovani reclute. E sono assolutamente disgustato da questi attacchi.

La partecipazione dell’IDF agli attacchi contro i civili è brutale e costituisce una violazione dei valori fondanti di Israele. Alimenta un ciclo di ingiustizie e ritorsioni che mina la sicurezza di Israele, degrada la reputazione dell’IDF e aumenta il rischio di attacchi di rappresaglia.

Sono sconvolto dalla violenza e dall’impunità. Tuttavia, non posso dire di essere sorpreso.

Proprio l’altra settimana, 100 ex soldati dell’IDF hanno chiesto al ministro della Difesa di fare di più per scoraggiare la violenza dei coloni. “La violenza dei coloni infuria da anni”, hanno scritto, “e la risposta è un tacito sostegno”.

Condivido la loro frustrazione e rabbia. Quando si parla di violenza in Cisgiordania, l’impunità è la norma, la giustizia la rara eccezione. Solo un’indagine è in corso su uno solo degli omicidi del 14 maggio, ed è arrivata solo a seguito della pressione dell’opinione pubblica.

Per quanto ripugnante sia questo caso è solo il sintomo estremo di un problema sistemico. Questo tipo di violenza e ingiustizia sarà sempre presente all’interno di un sistema che mantiene il controllo militare indefinito su milioni di non cittadini ai quali sono negati i diritti civili e l’accesso alla giustizia. Questo sistema distrugge vite, viola i nostri valori ed è corrosivo per la nostra visione condivisa di una patria giusta e democratica per il popolo ebraico.

Il governo israeliano ha inviato generazioni di giovani israeliani in prima linea in questa ingiusta occupazione. Siamo stati fin troppo pronti a chiedere loro di mettere a rischio la propria vita per difendere gli insediamenti illegali. Troppo spesso abbiamo chiesto loro di fungere da sicurezza privata per individui intenti a compiere un estremismo violento e ideologico.

Preoccuparsi degli israeliani e dei palestinesi significa preoccuparsi di ciò che sta accadendo nei territori occupati.

Non dobbiamo esitare a condannare questa violenza sistemica. Dobbiamo affrontare l’ingiustizia di questa occupazione decennale.

Dobbiamo chiedere ai nostri leader di perseguire un piano per porre fine a questo ciclo di ingiustizia e violenza, piuttosto che limitarsi a “gestire” questa realtà crudele e ingiusta.

Ecco perché J Street sta lavorando per organizzarsi all’interno delle comunità locali e a Washington per spingere i nostri leader a parlare contro la violenza dei coloni, l’espansione degli insediamenti e l’occupazione indefinita a favore di una vera pace israelo-palestinese.

È per questo che i nostri team di difesa legislativa stanno lavorando per far avanzare misure di trasparenza e supervisione per garantire che il nostro aiuto militare a Israele sia utilizzato solo per legittimi scopi di sicurezza e non possa essere utilizzato per sostenere demolizioni, insediamenti o occupazione a tempo indeterminato.

Ed è per questo che chiediamo che le relazioni USA-Israele siano fondamentalmente  allineate per enfatizzare un chiaro impegno per i diritti di palestinesi e israeliani alla giustizia, alla sicurezza, alla libertà e all’autodeterminazione.

Con così tante forze ben consolidate, organizzate e dotate di risorse che contrastano, dobbiamo continuare a costruire un movimento ampio e inclusivo per il progresso che si estende dai nostri sostenitori di base fino ai nostri funzionari eletti più anziani.

Se non ti sei ancora unito al nostro movimento per la pace, la giustizia e l’autodeterminazione, unisciti a noi qui >>

E se conosci qualcuno che potrebbe essere interessato ad aggiungere il proprio nome al nostro appello per un Israele veramente giusto e democratico, inoltra questo articolo e chiedi loro di prendere in considerazione la possibilità di iscriversi.

Possiamo cambiare lo status quo e lavorare per un futuro migliore, ma solo se lottiamo insieme per questo.

***

 FORMER IDF OFFICER: WE MUST STOP ENABLING SETTLER VIOLENCE

Nadav Tamir on July 29, 2021

The footage is sickening.

A bare-chested Israeli settler from an illegal outpost firing what appears to be an American M-4 at Palestinians in the West Bank town of Urif. Next to him, smiling giddily, two uniformed IDF soldiers.

Nine Palestinians were injured in the chaos. 25-year-old Nidal Safadi, father of three, was killed.

Collaborative reporting from Israeli and American organizations has now detailed a series of five unprovoked, joint attacks from settlers and IDF soldiers that day, May 14. Each joint attack included violence against Palestinian civilians, the burning of farmland and the use of live ammunition. Four Palestinians were killed.

I’m a former IDF officer. My kids have served in the IDF. I’ve trained hundreds of young recruits. And I’m absolutely disgusted by these attacks.

IDF participation in attacks on civilians is brutal and a violation of Israel’s founding values. It feeds a cycle of injustice and retaliation which undermines Israel’s security, degrades the IDF’s reputation and increases the risk of reprisal attacks.

I am appalled at the violence and impunity. I cannot, however, say that I am surprised.

Just the other week, 100 former IDF combat soldiers called on the Defense Minister to do more to deter settler violence. “Settler violence has been raging for years,” they wrote, “and is being answered with tacit support.”

I share their frustration and anger. When it comes to violence in the West Bank, impunity is the norm, justice the rare exception. Only one investigation is underway into only one of the May 14 killings, and it only came following public pressure.

As abhorrent as this case is, it is also just the sharpest edge of a systemic problem. This type of violence and injustice will always be present within a system that maintains indefinite military control over millions of non-citizens who are denied civil rights and access to justice. This system destroys lives, violates our values and is corrosive to our shared vision of a just, democratic homeland for the Jewish people.

The Israeli government has sent generations of young Israelis to the front lines of this unjust occupation. We have been too ready to ask them to put their lives on the line to defend unlawful settlements. Too often, we have asked them to act as private security for individuals bent on carrying out violent, ideological extremism.

To care about Israelis and to care about Palestinians is to care about what is happening in the occupied territories.

We must not hesitate to condemn this systemic violence.

We must confront the injustice of this decades-old occupation.

We must demand our leaders pursue a plan to end this cycle of injustice and violence, rather than merely ‘managing’ this cruel, unjust reality.

That’s why J Street is working to organize within local communities and in Washington to push our leaders to speak out against settler violence, settlement expansion and indefinite occupation — and in favor of real Israeli-Palestinian peace.

It’s why our legislative advocacy teams are working to advance transparency and oversight measures to ensure our military aid to Israel is used only for legitimate security purposes — and cannot be used to support demolitions, settlements or indefinite occupation.

And it’s why we’re demanding the US-Israel relationship be fundamentally realigned to emphasize a clear commitment to the rights of Palestinians and Israelis to justice, security, freedom and self-determination.

With so many well-established, organized and well-resourced forces pushing back, we need to continue to build a broad, inclusive movement for progress that spans from our grassroots supporters right up to our most senior elected officials.

If you haven’t yet joined our movement for peace, justice and self-determination, please join us here >>

And if you know someone who might be interested in adding their name to our call for a truly just and democratic Israel, please forward this article and ask them to consider signing up.

We can change the status quo and work toward a better future, but only if we fight for it together.

Palestina: l’assassinio di Nizar Banat e la rivolta contro Abu Mazen

Dal 24 giugno al 4 luglio le città di Al-Quds (Gerusalemme), El Khalil (Hebron) e Ramallah sono state percorse e scosse da manifestazioni di protesta contro l’assassinio di Nizar Banat ad opera dei corpi speciali dell’Anp di Abu Mazen, nelle quali è stato riproposto lo slogan delle grandi sollevazione arabe del biennio 2011-2012: il popolo vuole la caduta del regime – il regime in questione è, stavolta, la screditatissima “autorità nazionale palestinese” che risiede a Ramallah e fa capo ad Abu Mazen, legata con mille fili ad Israele e alle potenze occidentali. Gli altri slogan ripetuti erano “Lascia Abbas!” (Mahmoud Abbas è Abu Mazen) e “Nizar è il popolo, e il popolo non muore“.

Continua a leggere Palestina: l’assassinio di Nizar Banat e la rivolta contro Abu Mazen

Manifestazioni di massa a Parigi e in decine di città contro le leggi di polizia, e una lettera dalla Francia al Ministro degli interni Darmanin

Nel pomeriggio e nella serata di oggi, 28 novembre, decine e decine di città della Francia, a cominciare da Parigi, Bordeaux, Strasburgo, Rennes, Montpellier, sono state riempite da grandi e forti cortei per protestare contro le continue, brutali violenze della polizia, corredate spesso da insulti razzisti, e contro il progetto di legge sulla “sicurezza” voluto da Macron e dal ministro degli interni Gérard Darmanin (il project de loi “sécurité globale”) che prevede, tra le altre cose, la punizione di chi osi documentare le azioni della polizia. Uno spettro molto ampio, quello degli organizzatori, mentre i bersagli preferiti dei manifestanti sono stati il ministro degli interni e Didier Lallement, il capo della polizia di Parigi. Inutile dire che da Hollande a tutto il parterre dei personaggi “di sinistra” si sono sollevate critiche per gli “eccessi” della poliziail problema è che non di eccessi si tratta, ma come ben sanno i gilet jaunes, e più di loro gli immigrati e i richiedenti asilo, la brutalità dei comportamenti polizieschi è la norma, ormai, specie nella città di Parigi. E a questa brutalità si aggiunge, naturalmente, la demonizzazione dei bersagli della brutalità poliziesca. Nei giorni scorsi l’ineffabile ministro degli interni ha perfino osato assimilare i dimostranti contro la polizia alle “camice brune”, il gruppo paramilitare d’assalto facente capo al partito nazista. E questo ha acceso ancor più la piazza contro di lui.

Proprio ieri, in vista della giornata di proteste di oggi, abbiamo ricevuto dalla Francia una lettera indirizzata a Darmanin, vibrante di indignazione e di odio di classe, che volentieri pubblichiamo (la trovate tradotta piu’ in basso). Guarda lontano, senza dubbio; ma altrettanto lontano guardano coloro i quali, in tutta Europa e fuori, invece di combattere con più efficacia la diffusione della pandemia, rafforzano la polizia, introducono leggi infami e prassi liberticide, e progettano eserciti e guerre. Quanto sta accadendo in Francia ci serva da esempio e da pungolo.

A Monsieur le ministre de l’ordre

Vous vous êtes autorisé à exprimer une notoire salissure morale à l’attention d’un mouvement populaire soutenu par la grande majorité des citoyens français. Par votre expression faisant référence à la peste brune de triste mémoire, vous avez de toute évidence joué à l’adresse de l’ opinion, la carte de l’assimilation des violences contre l’exploitation capitaliste à une dérive nazie. Puisque vous semblez avoir l’art de l’avilissement, nous venons sur vôtre  votre terrain pour en neutraliser tant soit-peu … la toxicité!

Continua a leggere Manifestazioni di massa a Parigi e in decine di città contro le leggi di polizia, e una lettera dalla Francia al Ministro degli interni Darmanin