Schiavismo in Fedex: bassi salari, pensioni da fame, lavaggio del cervello, zero sindacato – Michael Sainato (The Guardian)

Riprendiamo da The Guardian e dal sito statunitense di Jacobin due pezzi che danno molti elementi concreti per capire ancora meglio cosa è FedEx, in particolare come tratta i lavoratori. Non sono articoli degli ultimi giorni, ma Fedex è questo: nel 2019, nel 2020, come nel 2021 e – se la lotta operaia non la costringerà ad indietreggiare – anche negli anni a venire. I due articoli riguardano gli Stati Uniti, dove questa multinazionale è nata e ha sperimentato per decenni i suoi brutali criteri organizzativi esportati ora in tutto il mondo, ricevendo ogni sorta di protezione dallo stato.

FedEx è stata fondata nel 1971, ed è tuttora presieduta, da Frederick W. Smith, un ex-marine che ha combattuto in Vietnam (leggi: partecipato al massacro del popolo vietnamita) dal 1966 al 1969, quando è stato “congedato con onore” con il grado di capitano e diverse onorificenze “al merito” (di assassino).

In perfetta continuità con il nobilissimo apprendistato giovanile del suo fondatore, padrone e attuale CEO, emergono in questi testi ben documentati il disprezzo di FedEx per la vita dei “suoi” lavoratori, i bassi salari, i benefit pensionistici da fame, le rappresaglie e le sedute di vero e proprio lavaggio del cervello finalizzate ad impedire la sindacalizzazione degli operai – di qualsiasi sindacato si tratti, anche di un sindacato – come Teamsters – capace di organizzare metodicamente la propria disfatta, oltre che – ovviamente, ed è quello che ci interessa – la disfatta dei lavoratori.

A riguardo sorge spontanea una domanda: come mai, invece, qui in Italia FedEx sembra avere un atteggiamento così favorevole alla Cgil? A che livello di subordinazione si sono spinti i burocrati della Cgil? Sono stati capaci di fare addirittura peggio dei Teamsters? Da quello che è emerso a Piacenza, e dall’approvazione incondizionata che hanno dato all’internalizzazione-beffa deliberata da FedEx per peggiorare le condizioni salariali e di lavoro dei facchini e dei driver, sicuramente sì.

Abbiamo sostenuto fin dal primo momento che l’attacco frontale sferrato da FedEx ai facchini di Piacenza organizzati con il SI Cobas riguarda l’intera classe operaia della logistica, anzi l’intero proletariato italiano, perché la FedEx di Smith e Pezzetti si è posta come la nuova FCA di Marchionne nel tentare di imporre un generale arretramento delle condizioni salariali e normative dei lavoratori della logistica, spazzando via un decennio di avanzamenti e cacciando, al tempo stesso, il sindacalismo combattivo dai propri magazzini. Nonostante la fiera resistenza che gli è stata opposta dal Si Cobas (e non solo), la battaglia con FedEx non è affatto vinta. Potremo vincerla solo se ci batteremo con organizzazione, determinazione e sapienza tattica, generalizzando la convinzione che la lotta contro il licenziamento dei 282 facchini di Piacenza ha un valore nazionale e sempre più internazionale.

https://www.theguardian.com/us-news/2020/jan/14/fedex-anti-union-campaign-teamsters

Secondo le registrazioni ottenute da The Guardian, i lavoratori FedEx che sperano di organizzarsi sindacalmente e ottenere un salario e benefit [pensionistici e sanitari] migliori hanno incontrato una opposizione frontale da parte dell’impresa, che ha speso un sacco di soldi per impedire la sindacalizzazione dei propri dipendenti. I lavoratori di FedEx che sostengono che i loro benefit sono inferiori a quelli dei lavoratori dell’UPS, la prima concorrente di FedEx, hanno affermato che la società li ha bombardati di messaggi antisindacali e li ha costretti a partecipare a riunioni antisindacali. The Guardian ha ottenuto le registrazioni delle riunioni che erano obbligatorie ed erano tenute presso le strutture FedEx nel 2015 e 2016, dove manager e consulenti hanno tenuto conferenze ai lavoratori sui sindacati per evitare che il sindacato entrasse nei loro impianti – questo, mentre i Teamsters stavano tentando di organizzare i conducenti FedEx in diverse località degli Stati Uniti.

“È il momento di fare campagna. Se non vuoi che questa ‘terza parte’ [questo intruso] venga a mettere un muro tra di noi, questo è il momento. Perché quando fai una campagna e gli dici [ai Teamsters] che non li vuoi qui, alla fine questo tuo no diventa forte e chiaro per loro. Puoi farlo”, ha affermato un responsabile delle risorse umane di FedEx in una riunione dei dipendenti tenuta in cattività nel luglio 2016. In questi incontri, i responsabili delle risorse umane di FedEx hanno spesso fatto ricorso ad aneddoti per contrastare l’organizzazione sindacale. In quella stessa riunione del luglio 2016, uno di loro ha dichiarato: “Recentemente un dipendente mi ha fatto questa domanda: perché c’è un piccolo gruppo di dipendenti, nella nostra azienda, che sembra essere molto ingrato per ciò che essa ha da offrirgli? Perché mai alcuni dipendenti prestano la loro fedeltà a sconosciuti, a un’organizzazione come i Teamsters, piuttosto che a questa azienda che continua a provvedere a noi, che ci ha fornito una lunga lista di vantaggi e retribuzioni incredibili, per non parlare delle attrezzature e delle strutture di qualità a nostra disposizione?

“Non ho una risposta, non lo so. Condivido il tuo dolore. Apprezzo l’azienda e ciò che essa ci offre. Ho un atteggiamento di gratitudine”. In un altro presunto aneddoto, lo stesso manager di FedEx ha raccontato ai lavoratori la storia di un impiegato di 58 anni (anonimo) che per tre anni ha sostenuto la sindacalizzazione perché i lavoratori volevano un piano pensionistico migliore. Il manager ha detto ai lavoratori: “Lui si sta avvicinando alla pensione. Lo ha dichiarato al responsabile delle risorse umane. Il manager gli ha detto: ‘cosa hai fatto nella tua carriera per prepararti alla pensione? Non puoi ritenere FedEx Freight responsabile della tua incapacità e e del fatto che non ti sei preparato al tuo pensionamento’. E lui [a queste parole] ha cambiato completamente il suo atteggiamento al riguardo e ha iniziato a sostenere l’azienda perché si è assunto la responsabilità del proprio fallimento.”

Durante gli incontri, i dirigenti e i consulenti di FedEx hanno affermato che le trattative con i sindacati sono una scommessa. “È come andare a Las Vegas e tirare i dadi”, ha detto uno. Hanno fatto riferimento anche alle carte di autorizzazione sindacale [è una dichiarazione sottoscritta da un lavoratore che attesta la sua volontà di essere iscritto al sindacato] come un “assegno in bianco”, e hanno detto ai lavoratori che quelli [i sindacati] “hanno bisogno di soldi, perché stanno finendo i soldi. Vogliono i tuoi soldi. Vogliono i nostri soldi”. In un video utilizzato da FedEx per scoraggiare la sindacalizzazione, il sindacato Teamsters è stato caratterizzato come l’attore di un complotto ordito da UPS per minare la forza di FedEx – in UPS circa 250.000 dipendenti sono rappresentati dai Teamsters.

“Un pacco perso da FedEx equivale a un pacco guadagnato da UPS”, ha detto la voce narrante nel video. Secondo un recente rapporto dell’Economic Policy Institute, tra il 2014 e il 2018 FedEx, che è la seconda più grande azienda di logistica negli Stati Uniti, ha speso 837.000 dollari in consulenti per evitare che i sindacati entrino nei suoi impianti. Il rapporto ha scoperto che esaminando i moduli disponibili al pubblico depositati dai consulenti del Dipartimento del Lavoro, le imprese statunitensi spendono circa 340 milioni di dollari l’anno in consulenti che le aiutano ad impedire la sindacalizzazione dei loro dipendenti – FedEx è una delle imprese che spende di più. La campagna antisindacale di FedEx tra il 2014 e il 2018 è stata coronata da successo.

Nell’aprile 2019, gli unici lavoratori FedEx Freight sindacalizzati negli Stati Uniti hanno votato contro un tentativo di “decertificare” [escludere] il sindacato Teamsters da un magazzino a Stockton, in California; ma i precedenti tentativi di “decertificazione” avevano avuto successo nel 2017 in Pennsylvania e North Carolina. Gli unici altri dipendenti FedEx sindacalizzati sono i loro piloti, che hanno votato per formare un sindacato nel 1993. Una sede FedEx nel New Jersey ha votato per l’adesione al sindacato nel 2014, solo per cedere volontariamente il proprio diritto alla rappresentanza nel 2017, dopo che FedEx ha combattuto per anni in tribunale con il National Labor Relations Board (NLRB) intorno a quali lavoratori dovrebbero essere inclusi nell’unità di contrattazione.

Tra il 2014 e il 2018 diversi magazzini FedEx negli Stati Uniti hanno votato contro la sindacalizzazione, mentre altre sedi non sono arrivate così lontano nel processo di organizzazione sindacale a causa della pressione aziendale. “Loro mi hanno detto, ‘o sei un giocatore di squadra, o sei un problema, e noi faremo di tutto per eliminare i problemi'”, ha dichiarato Greg Barfuss, un autista FedEx che, dopo sette anni di lavoro, è stato licenziato nel dicembre 2015 per avere apertamente sostenuto la sindacalizzazione del suo magazzino FedEx di Gardena, in California. “Prima hanno cercato di intimidirmi. Quando non ha funzionato, mi hanno licenziato e questo ha spaventato gli altri autisti dal provarci ancora”. Barfuss ha presentato una denuncia per pratiche di lavoro scorrette alla NLRB, e nel maggio 2016 è stato raggiunto un accordo con FedEx per una delle sue accuse. FedEx ha respinto l’affermazione di Barfuss secondo cui è stato licenziato per aver cercato di organizzare il sindacato, e ha notato che la NLRB non si è pronunciata a favore di Barfuss accusando FedEx di averlo licenziato per rappresaglia. “Per evitare i tempi e le spese del contenzioso, FedEx Freight ha scelto di chiudere il contenzioso su uno dei reclami, e lo ha fatto senza il pagamento di soldi o l’ammissione di responsabilità”, ha detto un portavoce di FedEx a The Guardian in una e-mail.

Poiché FedEx si opponeva pesantemente agli sforzi di sindacalizzazione tra i suoi dipendenti, ha esercitato pressioni aggressive a favore del disegno di legge sul taglio delle tasse voluto da Trump nel 2017, che ha abbattuto le tasse di FedEx da oltre 1,5 miliardi di dollari nel 2017 a zero nel 2018. Nonostante i significativi risparmi fiscali, nel novembre 2019 il New York Times ha riportato che FedEx non ha mantenuto la promessa di utilizzare i proventi della manna fiscale per reinvestire in attrezzature e altri beni, spendendo invece circa 3,6 miliardi di dollari in riacquisti di azioni tra il 2018 e il 2019. Il CEO di FedEx, Fred Smith, ha affermato che i fatti sono stati “distorti”, senza però citare degli esempi specifici, e ha sfidato il New York Times a un dibattito.

I lavoratori di FedEx hanno subito tagli ai bonus nel 2019 e un autista FedEx in Texas, che ha chiesto di rimanere anonimo per paura di ritorsioni, ha affermato che quest’anno (2020) i lavoratori hanno ricevuto essenzialmente un taglio del loro salario a causa dell’aumento dei costi sanitari. “Hanno deciso [i capi di FedEx] per il 2020 che se il tuo coniuge può ottenere un’assicurazione dal suo ‘datore di lavoro’ e tu lo mantieni con il tuo assicuratore di Fedex, ti addebiteranno $ 150 al mese. Dal momento che abbiamo ricevuto un aumento di $ 0,75 all’ora, l’aumento di stipendio ammontava a $ 30 a settimana, quindi non copre il supplemento da pagare per il coniuge “. FedEx sta anche cambiando il suo piano pensionistico nel 2020, eliminandolo per i nuovi assunti a cui verrà invece offerto un piano 401k, dando agli attuali dipendenti la possibilità di mantenere i loro piani attuali o di aderire al 401k.

L’autista di FedEx ha spiegato che il piano pensionistico è stato una delle forze trainanti per portare l’organizzazione sindacale dentro FedEx. Ha dichiarato: “Se tu la paragoni alle pensioni dei dipendenti UPS, la nostra pensione è pessima. Un lavoratore UPS riceve 100 dollari al mese per ogni anno di servizio, o qualcosa di simile. Quindi dopo 20 anni di lavoro, riceverai una pensione di 2.000 dollari al mese. Io ho 20 anni di anzianità qui. Ma se proietti la mia pensione, tra altri 10 anni il mio reddito previsto sarà di 300 dollari al mese con quasi 30 anni di anzianità. Cosa farò con 300 dollari al mese?”. Un portavoce di FedEx ha affermato che la società sta modificando il programma di benefit pensionistici per garantire che “rimangano competitivi”. E in una e-mail al Guardian ha aggiunto: “Mentre FedEx Freight rispetta il diritto dei membri del nostro team di decidere da soli se vogliono far parte di un sindacato, la legge non ci impone di rimanere neutrali, e protegge il nostro diritto di fornire fatti e opinioni sui sindacati in modo che i nostri dipendenti possano prendere una decisione pienamente informata”. [E soprattutto “libera”…]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...